Afghanistan / Zapatero: la Spagna è pronta a rafforzare il suo contingente militare in vista delle elezioni d’agosto

Pubblicato il 30 Luglio 2009 9:50 | Ultimo aggiornamento: 30 Luglio 2009 10:12

La Spagna è pronta a rafforzare il contingente militare in Afghanistan. Lo ha detto il premier spagnolo, Jose Luis Rodriguez Zapatero, in un’intervista al ‘New York Times”. E secondo Zapatero la novità potrebbe scaturire dal prolungamento della permanenza in Afghanistan delle truppe inviate per rafforzare la sicurezza in vista delle elezioni presidenziali afghane del 20 agosto.

“Siamo sempre stato disposti a fornire truppe aggiuntive per appoggiare le elezioni, come stiamo facendo attualmente”, ha detto Zapatero, intervistato mercoledi’ alla Moncloa, la sede del governo a Madrid. “E se fosse necessario mantenere una maggiore presenza in Afghanistan, saremo pronti a farlo”.

Secondo il quotidiano, la novità espressa da Zapatero “sembra essere un gesto di appoggio all’amministrazione (del presidente Usa, Barack Obama)”, considerato che “il governo socialista spagnolo ha sempre resistito alle richieste degli Stati Uniti e degli altri alleati della Nato” a rafforzare le sue truppe in Afghanistan.

La Spagna ha in Afghanistan 800 soldati, dislocati nella provincie di Herat (dove sono anche gli italiani) e a Baghdad. A metà  luglio, inoltre, ha inviato un contingente aggiuntivo di 450 soldati per vigilare sulla sicurezza delle prossime elezioni presidenziali. “Credo che essi stiano lavorando in una zona nella quale il loro contributo è riconosciuto in forma positiva e saremo disposti a mantenere i nostri sforzi nel futuro se  è necessario”, ha detto Zapareto. Il quotidiano segnala che il contingenete di truppe spagnole in Afghanistan è “un terzo di quello di Francia o Germania”, che partecipano anch’essi allo schieramento Nato composto in totale di 64.000 soldati.