Amal Clooney al G7 dei ministri degli Esteri in Francia. E’ l’inviata speciale Gb per la libertà di stampa

di Maria Elena Perreo
Pubblicato il 5 aprile 2019 22:22 | Ultimo aggiornamento: 5 aprile 2019 22:22
Amal Clooney al G7 dei ministri degli Esteri in Francia. E' l'inviata speciale Gb per la libertà di stampa

Amal Clooney al G7 dei ministri degli Esteri in Francia. E’ l’inviata speciale Gb per la libertà di stampa (Foto Ansa)

MILANO – Sorpresa al G7 dei ministri degli Esteri di Dinard, in Francia: al summit politico si è presentata anche Amal Clooney, all’anagrafe Amal Alamuddin, noto avvocato per i diritti umani e moglie dell’attore George Clooney, che ha nel suo curriculum difese importanti come quelle di Julian Assange e Yulia Timoshenko.

Amal, 41 anni e due figli, è stata appena nominata dal ministro degli Esteri britannico Jeremy Hunt sua inviata speciale per la libertà di stampa, e sarà alla guida di un team di esperti legali che si metteranno a disposizione dei giornalisti di quei Paesi in cui vigono ancora leggi che reprimono i media.

“La violenza contro i reporter ha raggiunto livelli allarmanti in tutto il mondo e non possiamo chiudere gli occhi. Il lavoro che Amal Clooney ha svolto finora sul tema dei diritti umani garantirà che questa campagna avrà un impatto reale sui media e la società”, aveva spiegato Hunt annunciando la nomina.

“Durante la mia esperienza nella difesa dei giornalisti ho potuto constatare di persona i modi nei quali i reporter vengono colpiti e incarcerati per farli tacere e per reprimere la libertà di stampa”, aveva aggiunto l’avvocato.

E proprio nella cittadina bretone Amal Clooney è stata protagonista di una conferenza stampa dedicata alla libertà di stampa insieme al ministro Hunt e alla ministra canadese Chrystia Freeland. L’avvocato e i due ministri hanno ricordato come il 2018 sia stato un annus horribilis per i giornalisti, con “99 giornalisti uccisi, 348 detenuti e 80 in ostaggio”. (Fonte: The Guardian)