Australia. Ex ministro ed ex premier Rudd sfida la premier Gillard

Pubblicato il 24 Febbraio 2012 9:02 | Ultimo aggiornamento: 24 Febbraio 2012 9:06

SYDNEY – L'ex premier australiano Kevin Rudd, che due giorni fa si e' dimesso da ministro degli Esteri, ha confermato oggi che contestera' lunedi' prossimo il voto per la leadership del partito laburista e del governo, contro la premier in carica Julia Gillard. I 103 parlamentari laburisti sono stati convocati dalla Gillard per mettere fine a una rivalita' che si prolunga da molti mesi e minaccia di destabilizzare il partito e il governo di minoranza, gia' fortemente sfavorito nei sondaggi.

Entrambi i contendenti si sono impegnati in caso di sconfitta a rinunciare a incarichi ministeriali e di mettere fine a ogni ambizione di leadership. ''A torto o a ragione, Julia Gillard ha perso la fiducia del popolo australiano'', ha detto oggi Rudd appena rientrato dagli Usa, dove aveva partecipato alla riunione del G20.

''A partire da lunedi', voglio cominciare a riguadagnare quella fiducia. Voglio finire il lavoro per il quale gli australiani mi avevano eletto a guidare il governo'', ha aggiunto.

Nel 2010 Gillard, dopo una serie di sondaggi sfavorevoli, sostenuta da una scarna maggioranza del gruppo parlamentare laburista, aveva sostituito alla guida del governo lo stesso Rudd, che aveva vinto le elezioni del 2007 e del quale era fino allora vice premier.

Gillard aveva convocato la votazione di lunedi' affermando che ''abbiamo bisogno di un voto sulla leadership per sistemare la questione una volta per tutte''. "Troppo a lungo abbiamo assistito a bisticci entro il partito, che hanno oscurato i successi del governo e quello che stiamo facendo per costruire un'Australia più forte e più equa per il futuro", ha aggiunto.