Ban Ki-moon ad Abu Mazen: “Uno Stato palestinese in tempi definiti”

Pubblicato il 1 Febbraio 2012 19:47 | Ultimo aggiornamento: 1 Febbraio 2012 19:49

RAMALLAH – Il segretario generale dell'Onu, Ban Ki-moon, ha manifestato oggi a Ramallah ''pieno sostegno'' al diritto dei palestinesi di avere uno Stato indipendente: Stato che – ha sottolineato – deve nascere nel quadro di un negoziato con Israele, ma anche ''in un orizzonte di tempo ben definito''.

''Sono qui per appoggiare apertamente la causa palestinese in favore di uno Stato indipendente e di una pace duratura'', ha detto Ban durante una conferenza stampa congiunta con il presidente dell'Anp, Abu Mazen (Mahmud Abbas), nella residenza della Muqata. Un obiettivo ''che va negoziato con Israele'' attraverso concessioni reciproche, ha puntualizzato, ma in tempi ragionevoli.

Secondo Ban, in sintonia su questo punto con Abu Mazen, il traguardo dei ''due Stati per due popoli'' non puo' comunque prescindere da ''una soluzione del nodo degli insediamenti dei coloni e di Gerusalemme est''.

In precedenza, durante i colloqui avuti nella prima parte della giornata con i leader israeliani, il segretario generale dell'Onu aveva chiesto a Israele ''gesti di buona volonta''' sulla questione delle colonie (considerate illegali dalla comunita' internazionale), invocandone apertamente lo stop.

Quanto alla richiesta di riconoscimento autonomo d'uno Stato palestinese da parte delle Nazioni Unite – presentata dall'Anp nei mesi scorsi in contrasto con Israele e Usa e in risposta allo stallo dei negoziati -, Abu Mazen ha in ogni modo chiarito che l'istanza non verra' ritirata. Ma e' rimasto sul vago sui possibili passi concreti per rilanciare l'iniziativa.

Il presidente moderato dell'Anp si e' invece soffermato sul tentativo di riconciliazione interna in corso con Hamas e altre fazioni radicali palestinesi, precisando di averne riferito all'ospite e assicurando che il percorso andra' avanti.