Venezuela, il governo commissaria l’ottava banca del Paese

Pubblicato il 15 Giugno 2010 0:34 | Ultimo aggiornamento: 15 Giugno 2010 1:29

Hugo Chavez

Il governo venezuelano ha disposto oggi il commissariamento ‘a porte chiuse’ del Banco Federal, ritenuto l’ottavo istituto di credito privato del Paese, adducendo la sua “grave situazione finanziaria”. Lo ha annunciato il ministro per le banche statali, Humberto Ortega Diaz.

‘A porte chiuse’, significa che, a partire da domani, il Banco Federal non potrà più realizzare operazioni. Nonostante questo, dei suoi 284.000 correntisti, 273.000 potranno ritirare i loro depositi – l’equivalente di circa 500 milioni di dollari – entro 60 giorni.

In merito, Nelson Mezehrahne, proprietario del Banco Federal e principale azionista del network ‘Globovision’, acerrimo oppositore al governo, ha respinto la misura, sostenendo che si tratta di una “rappresaglia politica” nei suoi confronti per la costante posizione critica del canale televisivo nei confronti del presidente Hugo Chavez.