Benedetto XVI: “La crisi non è finita, egoismo crea danni”

Pubblicato il 11 Gennaio 2010 14:13 | Ultimo aggiornamento: 11 Gennaio 2010 14:13

Per il Papa la crisi non è finita e, proprio mentre i redditi e il postere d’acquisto delle famiglie va giù, Benedetto XVI ha fatto riferimento ai disagi degli italiani:

«L’umanità, in questo anno appena iniziato, appare ancora segnata dalla drammatica crisi che ha colpito l’economia mondiale e ha provocato una grave e diffusa instabilità sociale. La mentalità corrente, egoistica e materialistica, dimentica dei limiti propri a ciascuna creatura, radice della crisi, non è superata e ora minaccia il creato».

Benedetto XVI, ricevendo il Corpo diplomatico presso la Santa Sede, ha fatto riferimento a un altro problema importante: l’omofobia. «Ci sono leggi e progetti che, in nome della lotta contro la discriminazione, colpiscono il fondamento biologico della differenza fra i sessi e che rappresentano altrettanti “attacchi” all’uomo e all’ambiente», ha detto il pontefice riallacciandosi al concetto di “ecologia umana” tracciato nell’encliclica ‘Caritas in veritate’.

Poi ha denunciato la poca considerazione data alla religione: «In alcuni Paesi, soprattutto occidentali, si diffonde negli ambienti politici e culturali, come pure nei mezzi di comunicazione, un sentimento di scarsa considerazione, e talvolta di ostilità, per non dire di disprezzo, verso la religione, in particolare quella cristiana».