BERLUSCONI REPLICA A VELTRONI: ”RIDICOLO IL DIALOGO CON QUESTO PD”

Pubblicato il 28 Settembre 2008 23:31 | Ultimo aggiornamento: 28 Settembre 2008 23:31

Berlusconi_discorso_2 Le dure parole di Veltroni ad Aldo Cazzullo nell’intervista pubblicata domenica dal Corriere della Sera (In italia ci sono rischi di autoritarismo stile Putin) smuovono le acque della politica. Le reazioni del Pdl non si fanno attendere.

BERLUSCONI – «Noi abbiamo una maggioranza a cui gli italiani hanno dato il mandato di governare il Paese. Quindi, non parliamo più di dialogo, per favore, perchè con quello che dicono, hanno detto, e per come si sono comportati, è una cosa addirittura ridicola pensare che con gente del genere si possa collaborare». Queste le parole del premier Silvio Berlusconi, parlando con i cronisti poco prima di lasciare il centro benessere in Umbria, dove ha soggiornato in questi ultimi giorni. «Il signor Veltroni si illustra da sè, basta leggerlo. Le persone che hanno buonsenso leggono Veltroni e non c’è da aggiungere alcun commento a quello che lui ha detto a ‘Porta a porta’ l’altro giorno e a quello che ha detto oggi sul Corriere» ha aggiunto il presidente del Consiglio. Poi sulle polemiche sollevate sulla legittimità costituzionale del Lodo Alfano (che sospende i procedimenti per le quattro più alte cariche dello Stato), il premier si è detto sicuro: «Sono assolutamente convinto» che il ‘lodo Alfano’ passerà il vaglio della Consulta. Se non passasse, allora ci sarebbe da fare una profonda riflessione su tutto il sistema giudiziario e su tutto ciò che abbiamo visto accadere recentemente a Milano».

«Che l’Italia sia un Paese caratterizzato da un pericolo di autoritarismo, come adesso sostiene Veltroni, significa scambiare dei mediocri romanzi di fantapolitica con la realtà. In pochi Paesi c’è un libero dibattito e una permanente contestazione come in Italia, dove il Presidente del Consiglio è quotidianamente criticato da due telegiornali su tre della Rai, da quasi tutte le trasmissioni di dibattito televisivo, per non parlare di quelle di satira che sono a senso unico, e dai principali quotidiani». Cicchitto conclude: «Malgrado tutto ciò Berlusconi ha una larga maggioranza nel Paese, cosa che fa saltare i nervi a Veltroni e a una parte della sinistra, che non sapendo a cosa attaccarsi adesso lanciano la campagna d’inverno sull’autoritarismo strisciante, che tra poco diventerà fascismo strisciante. Per di più, questi signori dimenticano cosa hanno fatto quando erano maggioranza e al governo, lottizzando scientificamente tutte le posizioni di potere e usando, in modo del tutto pervasivo, i mezzi di comunicazione di massa, per cui dal loro pulpito non può venire nessuna lezione su questo terreno». Non da meno la reazione del sindaco di Roma Gianni Alemanno: «Mi sembra che Veltroni si stia arrampicando sugli specchi per costruire un’opposizione che non c’è». Il sindaco ha poi precisato che «sono temi che non mi riguardano», ma «non vediamo un’opposizione che stia sui fatti». Italo Bocchino, vicepresidente vicario del gruppo Pdl alla Camera, aggiunge: «Veltroni, agitando il fantasma autoritario al sol fine di coprire la sua sconfitta elettorale e le difficoltà interne al Pd, non rende un buon servizio al Paese. Dimentica che Berlusconi è espressione di una democrazia matura e che ha saputo esercitare un ruolo primario sia le tre volte che ha vinto le elezioni sia le due volte che ha perso quando all’opposizione. È questa una delle differenze sostanziali rispetto al modello Putin. L’altra differenza sta nel fatto che l’Italia è una democrazia da molti decenni e la Russia soltanto da pochi anni a causa di quel comunismo del quale lo stesso Veltroni ha fatto parte».

L’IDV. INACCETTABILE LA MINACCIA DI BERLUSCONI – «È inaccettabile che Berlusconi minacci una riforma della giustizia se il Lodo Alfano non dovesse superare il vaglio della Consulta». Lo afferma il capogruppo dell’Italia dei Valori alla Camera Massimo Donadi. «Una pressione sulla Corte Costituzionale da parte del capo del governo che va oltre ogni limite. Queste parole – aggiunge – confermano ancora una volta l’intenzione di Berlusconi di piegare la giustizia ai suoi interessi particolari». «Raccoglieremo le firme per il referendum contro il Lodo Alfano – conclude – e non permetteremo che utilizzi ancora una volta la sua maggioranza parlamentare per costruirsi una giustizia ad personam». Riguardo alle parole di Veltroni il capogruppo dell’Idv aggiunge: «Siamo contenti che Veltroni dica oggi le stesse cose che l’Italia dei Valori dice fin dal primo giorno. In questi quattro mesi di opposizione morbida del Pd, Berlusconi ha già fatto danni enormi al Paese, a partire dal Lodo Alfano. Speriamo che d’ora in avanti l’opposizione possa essere unita nel contrastare la deriva autoritaria di Berlusconi».

FINOCCHIARO: DITTATURA DELLA MAGGIORANZA – «Non so se le reazioni scomposte all’intervista di Veltroni da parte del Pdl denuncino più la paura e l’insicurezza o l’arroganza del potere». Lo dichiara la capogruppo del Pd al Senato, Anna Finocchiaro, che aggiunge: «Che in Italia stia vivendo una pericolosa deriva dal punto di vista del restringimento di una reale dinamica democratica è sotto gli occhi di tutti, e molti autorevoli commentatori lo sottolineano ogni giorno». «Il populismo, una sorta di dittatura della maggioranza, il Parlamento considerato solo una cinghia di trasmissione dei voleri del governo con 11 provvedimenti approvati su 12 che sono decreti. Questo – spiega – è quello che abbiamo visto fino ad ora e non credo che sia questa l’essenza di una democrazia moderna». «Noi non ci stancheremo di denunciare questa deriva – conclude la presidente dei senatori del Pd – e non ci arrenderemo all’idea che chi governa comanda, alla faccia delle regole. E anche molti italiani non si arrenderanno. Noi crediamo in un Italia diversa e il 25 ottobre lo spiegheremo al Paese».