Berlusconi “turkmeno” guarda, pesa e offre: “Il nostro Bondi in cambio della vostra ministra”

Pubblicato il 25 Novembre 2009 16:18 | Ultimo aggiornamento: 25 Novembre 2009 16:34

RO300709POL_0014
Silvio Berlusconi, in viaggio di Stato in Turkmenistan, ha proposto uno scambio bilaterale, uno dei “suoi”: «Vi diamo il nostro Sandro Bondi e ci teniamo la vostra ministra della Cultura».

Precisano le cronache e i cronisti al seguito della missione diplomatica ed economica del premier che la proposta è stata fatta dopo un’accurata e soppesata occhiata del capo del governo alla delegazione del paese ospitante.

Valutate le misure e squadrata la figura, periziata la merce di scambio, è arrivata l’offerta di scambio. Si ignora se con o senza conguaglio. Si ignorano anche al momento le reazioni dei turkmeni, della ministra (che si chiama Maysa Yazmuhammedowa, per la cronaca) della Cultura e di Sandro Bondi.

Voci non confermate parlano di sorrisi, non è dato sapere se di complicità divertita o di compatimento informato.