Blitz in Medio Oriente, Vaticano: “Sì all’inchiesta, stop all’embargo a Gaza”

Pubblicato il 3 Giugno 2010 16:58 | Ultimo aggiornamento: 3 Giugno 2010 17:36

Anche il Vaticano interviene a sostegno di un’inchiesta indipendente dopo il blitz dell’esercito israeliano sulle navi della Flottilla dei pacifisti. La Santa Sede assume dunque una posizione differente rispetto a quella del governo italiano, che, insieme a Olanda e Stati Uniti, ha votato contro l’inchiesta Onu sulla vicenda. Il Vaticano sostiene inoltre che bisognerebbe mettere fine all’embargo sulla Striscia di Gaza. Infine le autorità ecclesiastiche sostengono la teoria del “due popoli, due Stati” come soluzione stabilizzatrice in quell’area.

A parlare è stato monsignor Silvano Tomasi osservatore permanente della Santa Sede presso l’ufficio Onu di Ginevra, ai microfoni della Radio Vaticana: “È evidente dopo questo incidente che la politica adottata di questo isolamento della Striscia di Gaza non può funzionare, perchè bisogna prima di tutto dare una risposta positiva ai diritti fondamentali di cibo, di acqua, di medicinali, di educazione per la popolazione di Gaza”.

Il religioso ha detto che “bisogna condannare la violenza di questo attacco, soprattutto perchè era in acque internazionali e dà l’impressione che le regole umanitarie e il diritto internazionale non contino. Invece, per le buone relazioni tra gli Stati è necessario che queste regole vengano rispettate”. “Poi – aggiunge – mi pare che le conseguenze di questo tipo di azione sono spesso imprevedibili e, infatti, hanno portato a delle vittime, a dei morti. La simpatia di tutti va verso le famiglie di queste vittime. Allo stesso tempo bisogna dire e riconoscere che lo Stato di Israele ha il diritto a vivere e difendersi ma, appunto, attraverso il dialogo si può arrivare a una sicurezza che è basata sul rispetto del diritto internazionale”.

“Dobbiamo considerare l’incidente dei giorni scorsi – ha aggiunto il prelato – come uno dei tanti eventi che sono allo stesso tempo causa e risposta all’instabilità politica e militare del Medio Oriente”. “Quindi – ha proseguito – dobbiamo tutti incoraggiare la comunità internazionale e i Paesi più direttamente interessati a lavorare per una soluzione di lunga durata che non può essere altro – a questo punto – che quella di uno Stato palestinese e di uno Stato israeliano sicuro, in modo che tra i due si possa eventualmente non solo rispettare le regole dell’indipendenza ma anche aprire la porta alla collaborazione”.