Brasile, Jair Bolsonaro è il nuovo presidente: un populista di destra che rimpiange la dittatura militare

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 ottobre 2018 10:08 | Ultimo aggiornamento: 29 ottobre 2018 10:08
Brasile, Jair Bolsonaro è il nuovo presidente: un populista di destra che rimpiange la dittatura militare

Brasile, Jair Bolsonaro è il nuovo presidente: un populista di destra che rimpiange la dittatura militare

ROMA – Con il 99,61% dei voti scrutinati, Jair Bolsonaro risulta vincitore del ballottaggio delle elezioni presidenziali in Brasile con il 55,20% dei voti, contro il 44,80% ottenuti da Fernando Haddad, candidato del Partito dei Lavoratori (Pt), un vantaggio equivalente a circa 11 milioni di voti.

La quarta democrazia più grande del mondo sarà governata da un ex ufficiale dei paracadutisti denunciato da molti come una “minaccia fascista” e che un mese e mezzo fa fu vittima di un accoltellamento durante la campagna elettorale. Una vittoria immediatamente salutata in Italia dal leader della Lega Matteo Salvini: “Anche in Brasile – ha twittato – i cittadini hanno mandato a casa la sinistra! Buon lavoro al presidente Bolsonaro, l’amicizia tra i nostri popoli e i nostri governi sarà ancora più forte”. Ed ha aggiunto: “Dopo anni di chiacchiere, chiederò che ci rimandino in Italia il terrorista rosso Battisti”.

Intanto in Brasile, da Rio de Janeiro a San Paolo, sono scesi in piazza migliaia di simpatizzanti. Malgrado la rimonta registrata negli ultimi giorni da Haddad – l’erede politico scelto da Lula da Silva come candidato del Partito dei Lavoratori (Pt) – i risultati del ballottaggio hanno confermato le previsioni dei sondaggi, che davano Bolsonaro come favorito anche prima del primo turno delle presidenziali, lo scorso 7 ottobre.

La vittoria di Bolsonaro rappresenta una frattura storica per il Brasile, dopo una fase di quattro governi consecutivi del Pt, chiusasi nell’agosto del 2016 con l’impeachment di Dilma Rousseff, e il breve intermezzo dell’amministrazione di Michel Temer, che arriva alla fine del suo mandato battendo tutti i record storici di impopolarità. Il risultato del voto in Brasile segna anche una nuova sconfitta per i partiti e i leader protagonisti della cosiddetta “marea rosa” progressista che investì l’America Latina all’inizio del secolo XXI, dopo le vittorie elettorali del centrodestra in Argentina, Cile, Perù e Colombia e le derive autoritarie in Venezuela e Nicaragua.

Bolsonaro, un deputato che è passato per otto partiti diversi in quasi due decenni di attività parlamentare e fino a poco fa era considerato un personaggio eccentrico, noto per le sue dichiarazioni polemiche a favore della dittatura militare e la tortura e contro le donne e le minoranze razziali, etniche e sessuali, è diventato in pochi mesi il leader che ha cavalcato il crescente malessere di grandi fasce della società brasiliana.