Camila, la bella studentessa che vuole cambiare il Cile

Pubblicato il 4 agosto 2011 0:15 | Ultimo aggiornamento: 4 agosto 2011 0:15

Camila Vallejo

SANTIAGO DEL CILE – Ha 23 anni, è bella e vuole cambiare, se non il mondo, almeno il Cile. Si chiama Camila Vallejo, ha 23 anni, studia geografia ed è già riuscita a portare tre volte in piazza 200 mila persone. Risultato tutt’altro che trascurabile in un Paese, il Cile, che come scrive sul Corriere della Sera Benedetta Argentieri, fino a qualche mese fa aveva un presidente, Pinera, che godeva del 70% della fiducia dei suoi connazionali.

Camila, riconoscibile e riconosciuta soprattutto per un piercing al naso, è a capo del movimento di studenti che vuole cambiare la situazione dell’istruzione del suo Paese. “Il Cile – spiega Argentieri –   spende l’0,84 per cento del Pil (ben al di sotto delle media mondiale) nell’istruzione”. Gli studenti, anche quelli delle scuole private, scendono nelle piazze, organizzano flash mob e occupano le scuole. Anche perché, in Cile, un’università costa 1000 dollari al mese, un’enormità fuori portata per gran parte della popolazione”.

Così Camila è diventata un personaggio, scomodo quanto basta e in grado di oscurare la popolarità di Pinera. Gli avversari, per pungerla, fanno leva sulla sua bellezza. Quasi fosse una colpa. Lei non si scompone e risponde: ” Non ho scelto io il mio aspetto fisico, ho scelto però le mie battaglie”.

Su Facebook la “compagna” Camila (è di famiglia comunista e le sue idee non sembrano lontane da quelle delle origini) ha già 20 fan. Per ora la sua battaglia è tutta per la scuola. Poi c’è il partito. Per pensare a un impegno nella politica “che conta” c’è ancora tempo.