Chavez nazionalizza l’hotel Hilton dell’isola di Margarita: “basta al turismo di elite, lascia solo spazzatura”

Pubblicato il 14 Ottobre 2009 10:26 | Ultimo aggiornamento: 14 Ottobre 2009 10:26

Hugo Chavez

«Il turismo di lusso lascia solo spazzatura». Con questa motivazione, il presidente Venezuelano Hugo Chavez ha inaugurato una nuova ondata di nazionalizzazioni. Così, dopo l’energia, il petrolio, i prodotti caseari, cemento, panifici, banche e latifondi,  stavolta tocca al settore turistico.

Il presidente, infatti, ha annunciato la nazionalizzazione dell’Hotel Hilton dell’isola Margarita, una delle località turistiche più note del Paese.  Si tratta di un complesso di oltre 280 stanze dotato di centro commerciale, casinò e vari altri servizi che solo qualche giorno prima aveva ospitato un vertice internazionale. Due anni fa, invece, la nazionalizzazione aveva colpito un altro Hilton, quello di Caracas.

Con il provvedimento il lussuoso albergo passa sotto la proprietà ed il controllo diretto del ministero del Turismo Venezuelano.

Chavez ha commentato la decisione attaccando quello che ha definito il «turismo delle elitè, composto da gente che attracca con le sue barche per un giorno o due e non produce ricchezza per il Paese».