Coronavirus Usa, giudici danno via libera al comizio di Trump a Tulsa

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 Giugno 2020 22:40 | Ultimo aggiornamento: 19 Giugno 2020 22:40
Comizio Trump Tulsa è salvo: giudici danno il via libera

Comizio Trump Tulsa è salvo: giudici danno il via libera (Foto archivio ANSA)

WASHINGTON – I giudici della Corte suprema dell’Oklahoma hanno dato il via libera per il comizio del presidente degli Stati Uniti Trump a Tulsa fissato al 20 giugno.

Una piccola vittoria per il presidente Donald Trump dopo gli ultimi giorni di scacco, tra le accuse dell’ex alleato Bolton e le misure bocciate dalla Corte suprema.

Nella serata del 19 giugno, i giudici dell’Oklahoma hanno respinto il ricorso che era stato presentato per bloccare il comizio fissato.

L’istanza era stata presentata per il timore che causi un focolaio di coronavirus, come riferisce la Cnn.

Comizio Tulsa, Trump: “Nessun coprifuoco ai miei fan”

Dopo la presentazione del ricorso, Trump aveva rassicurato i suoi fan di aver parlato con il sindaco di Tulsa per il comizio.

“Non ci sarà alcun coprifuoco stasera o domani per molti dei nostri supporter che partecipano al comizio Maga”.

Twitter censura nuovamente il presidente

Censurato nuovamente da Twitter per un video manipolato: il social fa rispettare le proprie regole anche al presidente Usa.

In precedenza, il social network aveva scatenato le ire di Trump per aver segnalato come “notizie da verificare” alcuni dei suoi cinguettii.

Solo ieri Facebook aveva rimosso uno spot della sua campagna elettorale per le presidenziali 2020 perché conteneva simboli nazisti e di istigazione all’odio.

Trump sotto assedio

Donald Trump appare sempre più sotto assedio in una delle peggiori settimane del suo mandato.

Una nuova ondata di coronavirus, il doppio schiaffo della Corte suprema su gay e Dreamer, il libro verità di John Bolton, il crollo nei sondaggi. 

Ora non gli resta che affrontare il comizio di Tulsa per i suoi fan, dove lui stesso ha ammesso che ci sono rischi di contagio. (Fonte: ANSA)