Congo/ Hillary Clinton si indigna: “Sono io il segretario di Stato, non mio marito”

Pubblicato il 11 Agosto 2009 16:35 | Ultimo aggiornamento: 11 Agosto 2009 16:35

Sembra che sia stato solo un incidente, un lapsus freudiano, un errore di valutazione. Di qualsiasi cosa si sia trattato, la cosa certa è che la domanda fatta da uno studente congolese a Hillary Clinton ha fatto andare su tutte le furie la ex first lady d’America e attuale segretario di Stato americano.

Uno studente del Congo chiede a Hillary Clinton cosa pensa suo marito, «mister Clinton» del prestito multi-miliardario offerto dalla Cina al Congo e lei, tirando fuori tutto l’orgoglio femminile necessario, indignata risponde: «Sono io il segretario di Stato, non mio marito».

Poi seccata continua: «Vuole che le dica che cosa pensa mio marito? Se vuole la mia opinione, le posso dare la mia opinione, non starò a fare il portavoce di mio marito».

Alla base dell’incidente tuttavia pare ci sia stato un inciampo dell’interprete. Il ragazzo congolese, rimasto pietrificato dalla reazione del Segretario di Stato Usa, avrebbe spiegato dopo la conferenza stampa che lui voleva sapere il parere del presidente Obama, non di Bill Clinton sulla questione.

Insomma è stato un lapsus a creare l’incidente. Incidente che, si è affrettato a spiegare lo staff della Clinton, si è chiarito senza problemi.