Politica Mondo

Corea del Nord, Kim Jong-un vieta il divertimento: no cantare, né bere

KIM-JONG-UN

Corea del Nord, Kim Jong-un vieta il divertimento: no cantare, né bere

PYONGYANG – Per accrescere il controllo sui nordcoreani, Kim Jong-un vieta il divertimento, le nuove misure bandiscono perfino bere e cantare. Secondo i briefing dell’intelligence rilasciati ai legislatori sud coreani, l’iniziativa ha lo scopo di soffocare l’impatto delle pesantissime sanzioni economiche imposte al Paese, dovute al continuo sviluppo di dispositivi nucleari e missili balistici.

“Pyongyang ha vietato qualsiasi riunione associata al bere, cantare e altri divertimenti e sta rafforzando il controllo sulle informazioni esterne”, si legge nel National Intelligence Service della Corea del Sud.

E i nordcoreani già vivono in condizioni di forte controllo: i viaggi all’estero sono ridotti, le conversazioni monitorate e sono previste severe punizioni per chi è in possesso di mezzi d’informazione esterni allo Stato, scrive il Daily Mail. Il divieto arriva a distanza di pochi mesi dall’annullamento del Festival della birra a Pyongyang in seguito alla segnalazione di siccità.

L’agenzia di intelligence sudcoreana ha inoltre riferito che alti funzionari del regime nordcoreano sono stati puniti a seguito di un’ispezione del General Political Bureau, che assicura il rispetto dei soldati alla linea di partito. Secondo quanto riferito, il capo dell’ufficio sarebbe stato Hwang Pyong So e il suo vice Kim Won Hong. Non è ancora chiaro il motivo della punizione, ma potrebbe essere dovuta a una lotta di potere tra i principali collaboratori di Kim Jong-un.

Gli agenti dell’intelligence sudcoreani stanno anche monitorando i segnali di nuovi lanci di missili nel nord. “L’agenzia sta seguendo da vicino gli sviluppi perché c’è la possibilità che quest’anno la Corea del Nord possa sparare una serie di missili balistici spacciandoli per lanci satellitari e un pacifico sviluppo spaziale”.

To Top