Corea del Nord: ”Riprenderemo test nucleari se l’Onu non si scuserà per le sanzioni contro di noi”

Pubblicato il 29 aprile 2009 13:55 | Ultimo aggiornamento: 29 aprile 2009 13:55

La Corea del Nord ha minacciato di riprendere i suoi esperimenti nucleari se il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite non le chiederà scusa per aver aumentato le sanzioni dopo il lancio del missile effettuato da Pyongyang lo scorso 5 aprile, a quanto riferisce la Reuters.

«Se il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite non ci porgerà immediatamente le sue scuse, saremo costretti a prendere misure per la nostra difesa, compresi i test nucleari e dei missili balistici intercontinentali», ha reso noto il portavoce del ministero degli esteri citato dall’agenzia di notizie statale KCNA.

La minaccia nordcoreana sopraggiunge nell’imminenza di un incontro a Pechino tra il primo ministro giapponese Taro Aso e il suo collega cinese Wen Jiabao.

Il Giappone e gli Stati Uniti sono stati tra i più duri critici del lancio del missile, che secondo Pyongyand doveva portare in orbita un satellite, mentre secondo Washington si è trattato di un esperimento diretto ad accertare la capacità dell’ordigno di colpire obiettivi in territorio americano.

La Cina è più o meno alleata della Corea del Nord, ma secondo quanto rilevano fonti diplomatiche un esperimento nucleare di Pyongyang avrebbe l’effetto di destabilizzare la regione e sarebbe quindi inviso anche a Pechino.