Corea del Nord: “Finito l’imperialismo retto sulle armi atomiche”

Pubblicato il 15 Aprile 2012 7:50 | Ultimo aggiornamento: 15 Aprile 2012 7:54

PYONGYANG, 15 APR – ''La minaccia dell'imperialismo retto sulle armi atomiche e' ora alle spalle: per noi si apre una nuova era e il nostro Paese risplendera' per sempre''.

E' uno dei passaggi del primo discorso di Kim Jong-un da quando e' salito al potere in Corea del Nord, con il quale ha ribadito la politica del 'Songun', 'i militari prima di tutto'.

Il leader coreano Kim Jong-un ha pronunciato il suo primo discorso televisivo, in occasione di una grande parata militare per il centenario della nascita di suo nonno, Kim Il-sung, il fondatore del regime.

"Presento i miei omaggi più puri e gli onori più grandi ai grandi compagni Kim Il-sung e Kim Jong-il", ha detto Kim vestito con la sua giacca scusa in stile maoista, su una tribuna davanti a una folla osannante di migliaia di soldati. "Voglio porgere i miei saluti ai nostri compatrioti della Corea del sud e agli altri nel mondo che si votano alla riunificazione e alla prosperità delle nazioni", ha aggiunto con voce giovanile il nuovo leader, di 29 o 30 anni (l'età precisa non è nota), alzando raramente gli occhi dal testo scritto.

"Sulla strada verso la nostra vittoria finale!", ha detto ancora, puntando il dito verso i militari che lo osannavano cantando "Mansei!" (lunga vita!).