Coree, il Giappone sostiene Seul e chiede l’intervento di Pechino contro Pyongyang

Pubblicato il 24 Novembre 2010 7:47 | Ultimo aggiornamento: 24 Novembre 2010 9:07

Il premier giapponese, Naoto Kan, e il presidente sudcoreano, Lee Myung-bak, hanno convenuto sulla necessità che Giappone e Corea del Sud lavorino a stretto contatto in seguito all’attacco nordcoreano di ieri nel Mar Giallo.

Secondo quanto riferisce oggi a Tokyo l’agenzia nipponica Kyodo, che cita fonti governative, i capi di Stato dei due Paesi hanno discusso gli ultimi sviluppi della situazione in un colloquio telefonico tenuto intorno a mezzogiorno (le 4:00 in Italia).

Il premier nipponico anche ha rivolto un appello alla Cina affinché svolga un ruolo di primo piano nella crisi innestata dall’attacco nordcoreano di ieri alla Corea del Sud. ”Dobbiamo chiedere alla Cina, in grado di esercitare una forte influenza su Pyongyang – ha dichiarato Kan -, di unire gli sforzi per contenere le azioni della Corea del Nord”.

Naoto Kan è intervenuto in occasione della prima riunione della speciale task force governativa istituita oggi sulla crisi nordcoreana, dopo il bombardamento di Pyongyang sull’isola sudcoreana di Yeonpyeong. Kan ha ribadito la propria preoccupazione per l’attacco nordcoreano, definito un ”intollerabile atto di barbarie” che minaccia la pace e la stabilità dell’Asia orientale.

[gmap]