Criminalità: estorsione a un medico, due arresti in Calabria

Pubblicato il 31 luglio 2010 9:49 | Ultimo aggiornamento: 31 luglio 2010 10:05

Due persone sono state arrestate dai carabinieri a Isola Capo Rizzuto per estorsione nei confronti di un medico. All’arresto si è  giunti nell’ambito delle indagini sugli attentati incendiari accaduti nelle settimane scorse ai danni delle automobili del sindaco di Isola Capo Rizzuto, Carolina Girasole, del vicesindaco e del dirigente dell’ufficio tecnico.

Le due persone arrestate sono Maurizio Pugliese, 44 anni, e Giuseppe Pullano, 25, entrambi di Isola Capo Rizzuto. Ai due è stata notificata un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del tribunale di Crotone che ha accolto la richiesta del Procuratore della Repubblica, Raffaele Mazzotta, e del sostituto Caramico D’Auria.

I due arrestati, secondo quanto si è appreso, avrebbero minacciato un medico di Isola Capo Rizzuto per costringerlo a cedere loro un terreno sul quale avevano realizzato una costruzione abusiva. Il medico ha più volte segnalato al sindaco, al vicesindaco ed all’ufficio tecnico la realizzazione della struttura abusiva. Ne era scaturito un provvedimento per il blocco dei lavori e, successivamente, un’ordinanza per demolire la struttura. Nel provvedimento, il Gip sostiene che, pur non essendo riusciti ad individuare gli autori certi delle intimidazioni, le indagini hanno comunque permesso di ricostruire ”la dinamica, il contesto e la matrice degli eventi”.