Cuba approva la nuova Costituzione: apre al mercato

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 aprile 2019 19:30 | Ultimo aggiornamento: 10 aprile 2019 19:30

Cuba approva la nuova Costituzione: apre al mercato

L’AVANA – Cuba approva la sua nuova Costituzione che, tra l’altro, apre al mercato. Il primo segretario del Comitato centrale del Partito comunista, Raúl Castro, ha presieduto a L’Avana l’atto di promulgazione, avvenuto durante una cerimonia solenne nell’Assemblea nazionale. 

Nel suo intervento Castro ha sostenuto che essa “garantisce la continuità della Rivoluzione e del carattere irrevocabile del socialismo” in coerenza con “le aspirazioni di quanti per oltre 150 anni hanno lottato per una Patria indipendente, sovrana e socialmente giusta”. Castro ha concluso il suo intervento assicurando che il testo costituzionale, ratificato in un referendum popolare il 24 febbraio scorso, “è fedele al proposito di costruire un socialismo sempre più prospero, sostenibile, inclusivo e partecipativo”. 

Il nuovo testo è stato approvato nel referendum da 6,8 milioni di cubani (86,85% del corpo elettorale), mentre il no ha raccolto oltre 700.000 voti (8,11%), con il 5,04% rappresentato da voti bianchi, nulli ed astensioni. Specialisti locali consultati dall’ANSA hanno indicato che fra le novità più rilevanti della nuova Costituzione, che sostituisce il precedente testo del 1976, vi è quella “dell’ampliamento e rafforzamento del settore privato, a partire dalla menzione dei soggetti che possono intervenire, che siano individui o organismi giuridici”.