Cuba, congresso Pcc: intellettuali, ultima chance per svolta

Pubblicato il 8 Gennaio 2012 15:34 | Ultimo aggiornamento: 8 Gennaio 2012 18:55

L'AVANA, 08 GEN – Il Partito comunista (Pcc) di Cuba ha davanti a se' una chance unica, forse l'ultima a disposizione, per ''democratizzare'' la societa' cubana. E' il messaggio rivolto dagli intellettuali cubani alla dirigenza storica del partito, in vista del suo Congresso nazionale in calendario all'Avana il prossimo 28 gennaio.

Secondo alcuni noti artisti e scrittori dell'isola caraibica – tra i quali il coeditore della rivista 'Spazio Laicale', Lenier Gonzales, legata all'arcivescovado dell'Avana – la riunione dovra' finalmente riuscire ad ''armonizzare'' il ruolo di guida della societa', attribuito al Pcc dalla Costituzione cubana, con le 300 riforme del presidente Raul Castro, approvate dallo stesso Congresso lo scorso aprile.

In pratica – sostengono gli intellettuali – e' arrivata l'ora di ''attualizzare'' il modello economico ormai esaurito che, come lo stesso Partito, ha ancora un taglio eccessivamente sovietico.

Per Gonzales, ''il ridimensionamento e la democratizzazione interna del Pcc, con il conseguente allargamento della partecipazione cittadina, e' il grande tema pendente dell'agenda di Raul Castro''.