Cuba: urla dal balcone contro il governo, arrestato l’oppositore Farinas

Pubblicato il 24 Febbraio 2011 0:12 | Ultimo aggiornamento: 24 Febbraio 2011 0:13

Fidel Castro

L’AVANA – L’oppositore Guillermo Farinas è stato fermato oggi dalla polizia mentre urlava dalla terrazza di casa sua slogan contro il governo cubano, in omaggio a Orlando Zapata, il detenuto deceduto un anno fa dopo uno sciopero della fame durato 85 giorni.

Lo ha detto all’Ansa la madre, Alicia Hernandez. ”Erano circa 15 minuti che Farinas inveiva contro il governo e a favore di Zapata nel primo anniversario della sua morte quando è arrivata la polizia che l’ha portato via”, ha raccontato Hernandez. Mezz’ora dopo è giunto un autobus con ”circa 30 persone che hanno cominciato a urlare di fronte a casa nostra slogan a favore del governo e contro di noi”.

Hernandez ha spiegato che in mattinata la polizia aveva impedito a Farinas, Premio Sakharov 2010, di uscire di casa, a Santa Clara (centro dell’isola), mentre stava andando ad una conferenza su Zapata. Farinas allora ”e’ rimasto a casa fino a che ha aperto la porta ad uno studente che è  venuto a trovarlo. Un poliziotto che stava di fronte a casa nostra ha cominciato a maltrattare lo studente e allora Farinas è  andato sul terrazzo e ha iniziato ad inveire contro il governo”, ha raccontato Hernandez.

Il giorno dopo la morte di Zapata, Farinas, giornalista di 49 anni, ha iniziato uno sciopero della fame che ha mantenuto per 136 giorni per protestare contro la morte del detenuto e per chiedere la liberazione dei prigionieri politici.

[gmap]