Cuba “apre” ai privati: dopo barbieri e tassisti, liberalizzazioni anche per i negozi

Pubblicato il 2 agosto 2010 9:02 | Ultimo aggiornamento: 2 agosto 2010 9:14
raul castro

Raul Castro

Cuba continuerà ad affidare in gestione piccoli negozi ai loro dipendenti, andando dunque oltre le botteghe di barbiere già in parte “privatizzate”, ma senza puntare ad una vera economia di mercato. Inoltre è stato approvato un aumento del numero dei liberi professionisti e una riduzione dei lavoratori statali. Gli annunci sono venuti oggi durante la prima sessione del 2010 (la seconda, e ultima dell’anno, è a dicembre) tenutasi alla presenza del presidente Raul Castro, 79 anni, ma senza la partecipazione di suo fratello e “lider maximo” della rivoluzione cubana, Fidel.

Il governo dell’isola comunista aveva deciso, agli inizi di quest’anno, senza fare alcun annuncio ufficiale, di consegnare in gestione le botteghe di barbiere ai loro dipendenti e alcuni taxi dell’Avana ai tassisti. Riconoscendo i «buoni risultati» degli esperimenti, il governo ha deciso di «ampliare la consegna ad altri piccoli negozi. Lo Stato deve togliersi una serie di attività», ha dichiarato ai giornalisti il ministro dell’economia, Marino Murillo.

Lo Stato cubano controlla il 90% dell’economia dopo che, nel 1959, con il trionfo di Fidel Castro e la cacciata del dittatore Fulgencio Batista, la proprietà privata è stata abolita. Ma con queste piccole aperture «non si può parlare di riforme. Stiamo valutando un aggiornamento del modello economico cubano retto dalle categorie economiche del socialismo e non del mercato. Rimarrà la pianificazione centralizzata. La proprietà non sarà consegnata» ai dipendenti, ha sottolineato il ministro. E il governo, ha aggiunto, non ha «fretta nell’applicazione dell’aggiornamento del modello socialista».

La sessione connotata da questo annuncio si è aperta con la poltrona di Fidel Castro, 83 anni, vuota come avviene da quando ha ceduto il potere per motivi di salute quattro anni fa. Fidel, il quale ha fatto otto apparizioni pubbliche il mese scorso, resta primo segretario del Partito comunista cubano (Pcc) e deputato del parlamento. Nell’annunciare l’aumento del numero dei liberi professionisti, Raul Castro in parlamento ha definito queste decisioni un «cambio strutturale» per rendere il sistema socialista «sostenibile» nel futuro:«Saranno eliminati alcuni divieti attuali e saranno concesse nuove licenze e la commercializzazione di alcune produzioni con una flessibilizzazione della forza di lavoro».

È stato anche approvato, ha riferito il presidente cubano, un «regime tributario che risponda al nuovo scenario economico». Un anno dopo essere arrivato alla presidenza, Raul Castro ha promesso nel 2007 «cambi strutturali» e l’opposizione ha chiesto da allora l’attuazione di questi cambiamenti nonostante l’isola socialista continui a sentirsi assediata dagli Stati Uniti: tra Cuba e gli Stati Uniti «nulla è cambiato», ha detto il presidente Raul Castro in parlamento sottolineando che sebbene ci sia «meno retorica» e si tengano «occasionali colloqui bilaterali su argomenti specifici e limitati, il blocco continua ad applicarsi». Il riferimento è stato all’embargo economico che gli Stati Uniti mantengono sull’isola dal 1962.

La sessione parlamentare si è aperta con una dichiarazione che condanna agli Stati Uniti per le condizioni in cui viene tenuto Gerardo Hernandez, uno dei cinque agenti cubani condannati negli Usa per spionaggio: «Considereremo il governo degli Usa responsabile per la salute e l’integrità fisica di Gerardo Hernandez», afferma la dichiarazione approvata dal parlamento e letta dal suo presidente Ricardo Alarcon. Hernandez, 45 anni, è stato trasferito il 21 luglio in una cella di punizione nonostante essere malato, secondo l’assemblea cubana, che afferma che non è stato visto da nessun medico e non sta ricevendo alcun trattamento per dei problemi di salute non specificati. L’uomo è stato condannato nel 2001, assieme a Renè Gonzalez, Antonio Guerrero, Fernando Gonzalez e Ramon Labanino, a due ergastoli, uno per spionaggio nella cosiddetta rete «Vespa», e l’altro per il suo ruolo nell’abbattimento da parte di caccia cubani di due aerei di un gruppo anticastrista di Miami.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other