Donald Trump, ex playmate Karen McDougal: “Siamo stati insieme per 9 mesi. Lui era già sposato con Melania”

di redazione Blitz
Pubblicato il 16 febbraio 2018 14:07 | Ultimo aggiornamento: 16 febbraio 2018 14:07
La ex playmate Karen McDougal sostiene di aver avuto una relazione con Donald Trump

Karen McDougal (Foto Instagram)

NEW YORK – Ancora una modella di Playboy nella vita di Donald Trump. Il prestigioso giornale americano The New Yorker ha raccolto la testimonianza di Karen McDougal, ex playmate, che sostiene di aver incontrato l’attuale presidente degli Stati Uniti nel 2006, quando questi era già sposato con Melania, durante una festa per il programma The Apprentice, in cui lui aveva il ruolo del boss, e di aver iniziato con lui una relazione.

Nelle otto pagine di memorie riportate sul New Yorker da Ronan Farrow la donna racconta: “Iniziò subito a parlarmi, dicendomi quanto fossi bella. Io ero così nervosa! Lui aveva intelligenza e charme, era un uomo così galante. Abbiamo chiacchierato per un paio d’ore, poi, quando si è ‘acceso’, ci siamo spogliati e abbiamo fatto sesso”.

Alla fine del rapporto, quando si erano rivestiti, Trump le avrebbe offerto dei soldi, ma lei li avrebbe rifiutati: “L’ho guardato e gli ho detto: ‘No grazie, non sono una di quelle ragazze. Sono stata con te perché mi piaci, non per i soldi’. E lui mi ha detto: ‘Tu sei speciale'”.

Da allora McDougal e Trump si sarebbero rivisti ogni volta che lui andava a Los Angeles. Il tycoon l’avrebbe introdotta anche in famiglia, la avrebbe portata nelle sue case, compresa la Trump Tower, dove già viveva con Melania in stanze separate, dicendo che era così perché lei “amava avere i propri spazi, leggere e stare da sola”.

McDougal era presente anche ad un party per la Trump Vodka a Los Angeles nel 2007, seduta al tavolo insieme ai Trump, Donald Jr, la moglie Vanessa e Kim Kardashian. La storia si sarebbe interrotta per volere della playmate nell’aprile del 2007, dopo nove mesi. La Casa Bianca ha negato qualunque relazione di Trump con McDougal: “E’ una vecchia storia che è solo una fake news”, ha detto un portavoce al New Yorker.