Dpef/ Ok della Camera a risoluzione Pdl e Lega

Pubblicato il 29 Luglio 2009 13:05 | Ultimo aggiornamento: 29 Luglio 2009 14:27

Il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, durante il suo intervento
in Senato ha spiegato che l’Italia non è in declino, che il sistema
economico «tiene» e va anche meglio rispetto ad altri paesi europei.

La Camera dei deputati ha approvato la risoluzione di maggioranza Cicchitto-Cota che impegna il governo a portare avanti “con determinazione” gli obiettivi e le linee di azione indicati nel Documento di Programmazione Economico-Finanziaria relativo alla manovra di finanza pubblica per gli anni 2010-2013. I voti a favore sono stati 254, mentre 233 quelli contrari. Due deputati si sono astenuti.

La risoluzione chiede impegni al governo per contenere il debito pubblico e per approvare entro novembre il ddl sulla riforma di bilancio. Uno spazio importante è stato concesso al Sud. Le infrastrutture per il meridione sono considerate “tra gli obiettivi prioritari del governo” con “uno specifico piano per la sua infrastrutturazione, al fine di promuovere lo sviluppo e la competitività internazionale”. Per le imprese che investono nel Sud si pensa, inoltre, di prevedere in futuro sgravi fiscali.

Le decisioni già prese e le dichiarazioni di intenti non placano però gli animi nel “fronte meridionalista” della maggioranza. Il Movimento per le autonomie ha presentato una risoluzione in Senato per impegnare il governo ad attuare “una profonda inversione di rotta sul piano degli investimenti economici e finanziari, restituendo al Mezzogiorno, in modo progressivo ma in tempi certi, le risorse sottratte negli ultimi anni” mentre Salvatore Cuffaro, senatore dell’Udc ed ex governatore della Sicilia, ha spiegato che “il Governo nell’ultimo anno ha cassato un miliardo e mezzo di risorse che il Mezzogiorno aveva già avuto, utilizzandole per l’ICI, ma promettendo di restituirle. Non si capisce, però, se, dove e quando ha intenzione di restituire quelle risorse”.