Filippine. Elezioni presidenziali, in testa Benigno Aquino. Attacco ribelli, sei morti

Pubblicato il 11 Maggio 2010 7:58 | Ultimo aggiornamento: 11 Maggio 2010 9:35

Clima elettorale infuocato nelle Filippine dove i ribelli comunisti hanno ucciso oggi sei persone, tra cui due soldati, e provocato una dozzina di feriti, in un’imboscata contro soldati e funzionari elettorali. Lo hanno riferito fonti dell’esercito.

In particolare due soldati, due miliziani governativi, un funzionario elettorale e un collaboratore di un candidato sono stati uccisi in un attacco sferrato nella regione meridionale di Mindanao, secondo quanto ha precisato il colonnello Romeo Calizo, comandante militare locale.

Intanto, mentre è ancora in corso lo spoglio delle elezioni presidenziali, il candidato rivale, Manuel Villar, ha già riconosciuto la vittoria di Benigno Aquino.

Aquino, che è il figlio dell’ex presidente la signora Corazon Aquino, risulta infatti largamente in vantaggio negli ultimi risultati parziali dello scrutino.