G-20 in periodo di crisi: \"Un Atlantico in piena tempesta\"

Pubblicato il 11 novembre 2010 6:00 | Ultimo aggiornamento: 11 novembre 2010 6:00

da: Il Sole 24 Ore

Il G-20 di Seul cade in un momento particolare per le relazioni commerciali internazionali. I rapporti tra Usa e Ue cominciano a essere incrinate, e in questo contesto continua l\’ascesa dei Paesi asiatici sui mercati internazionali.
Carlo Bastanin sul Sole 24 Ore ha provato a tracciare un\’analisi dell\’incontro che raccoglie i leader dei Paesi più industrializzati.
\”Il summit del G-20, oggi e domani a Seul, avviene in una fase molto turbolenta per il coordinamento internazionale. Il rallentamento dell\’economia americana e la decisione di adottare una politica monetaria aggressiva fanno pensare che Washington voglia scaricare sugli altri il costo del riequilibrio globale. Quello che preoccupa è il rapido deterioramento dei rapporti economici tra Usa e Ue. Subito dopo Seul, Usa e Ue s\’incontreranno a Lisbona per un vertice che il buon senso avrebbe collocato prima – non dopo – quello del G-20. Si tratta di un vertice troppo importante perché venga sprecato. Il peggioramento dei rapporti Usa-Ue è drammatico rispetto solo ai dodici mesi seguiti alla crisi della Lehman, una specie di \”era dell\’oro\” della governance globale il cui rafforzamento era riconosciuto come indispensabile da Usa ed Europa\”.

Leggi l’articolo originale