Gerusalemme, Erekat spiega: “Israele scelga pace o colonie”

Pubblicato il 18 Novembre 2009 9:30 | Ultimo aggiornamento: 18 Novembre 2009 9:31

Il negoziatore capo palestinese, Saeb Erekat, ha severamente criticato la decisione israeliana di costruire 900 alloggi nel rione ebraico di Ghilo, che si trova nell’area municipale di Gerusalemme in zone che non erano sotto sovranità israeliana fino alla guerra dei sei giorni del 1967.

“Nessuno riconosce a Israele il diritto di estendere le costruzioni a Gerusalemme est“, ha detto Erekat alla radio militare israeliana. “Le terre su cui edificate quei quartieri fanno parte del mio futuro Stato. Questo deve cessare: Israele deve scegliere la pace o le colonie. E noi logicamente speriamo che opti per la prima soluzione”.

In risposta a un domanda sul futuro politico di Abu Mazen (Mahmud Abbas) – che non intende per ora ricandidarsi alla carica di presidente dell’Autorità nazionale palestinese (Anp) – Erekat ha risposto che effettivamente questi “non è incollato alla poltrona”.

Erekat ha infine ribadito che i dirigenti dell’Anp non si attendono nel prossimo futuro alcuno sviluppo diplomatico positivo. “Non disponiamo nemmeno di un ‘tunnel’ da poter dire che al suo capo si intravvede la luce”, ha concluso.