Gheddafi, Libia-lager sotto gli italiani: “Campi di concentramento come per gli ebrei”

Pubblicato il 31 Agosto 2010 0:31 | Ultimo aggiornamento: 31 Agosto 2010 0:38

Muhammar Gheddafi

”Alcuni degli storici dicono che Rodolfo Graziani sia stato maestro di Hitler nella costruzione dei campi di concentramento in cui furono rinchiusi gli ebrei nell’Olocausto. Lo stesso sistema è stato usato contro i libici, che sono stati rinchiusi in posti ristretti, malefici, facendo morire almeno cinquanta persone al giorno”. Lo ha ricordato il leader libico Muhammar Gheddafi nel discorso pronunciato questa sera nel corso delle celebrazioni per il secondo anniversario del trattato di amicizia italo-libico facendo riferimento al periodo in cui la Libia è stata occupata dall’invasione colonialista italiana.

”In questi campi e in particolare in quello di el Agheila – ha affermato Gheddafi – si contavano almeno 50 salme al giorno di morti avvenute per fame, per uccisione o per malattia”. ”L’anno prossimo – ha aggiunto il leader libico – cadrà il centenario dell’invasione italiana della Libia e dunque dobbiamo fare qualcosa ad el Agheila affinché anche l’orrendo dramma dei campi di concentramento venga ricordato”.