Giappone, doppio scandalo nel governo Abe: si dimettono due ministre

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 Ottobre 2014 14:55 | Ultimo aggiornamento: 20 Ottobre 2014 14:55
Giappone, doppio scandalo nel governo Abe: si dimettono due ministre

Le ministre Yuko Obuchi, a sinistra, e Midori Matsushima

TOKYO – Doppio scandalo nel governo giapponese del premier Shinzo Abe. Due ministre, quello del Commercio Yuko Obuchi e quello della Giustizia Midori Matsushima, si sono dimesse nelle ultime 24 ore. Matsushima è accusata di aver violato il codice elettorale, distribuendo volantini con il proprio ritratto e nome agli elettori della sua circoscrizione. Obuchi è sospettata di aver speso tra il 2007 e il 2012 più di 10 milioni di yen (circa 74.000 euro) e non per la sua attività politica, ma per acquistare prodotti di bellezza.

Prima di dimettersi, Yuko Obuchi si è scusata: 

“Offro le mie più sincere scuse per non essere in grado di contribuire alla ripresa economica e alla realizzazione di una società in cui le donne brillano”.

Le dimissioni di due ministri del suo governo sono un duro colpo per il premier giapponese Abe, costretto a scusarsi pubblicamente. “Sono stato io ad averla chiamata”, ha detto in conferenza stampa, subito dopo le dimissioni della ministra.

“Me ne assumo la responsabilità e mi scuso profondamente”.

Lo scorso 3 settembre Abe aveva formato il suo nuovo governo, chiamando cinque donne a capo di altrettanti ministeri, cercando di promuovere la partecipazione femminile nella società.