Ground Zero, moschea. Leader musulmani avrebbero deciso di costruirla altrove

Pubblicato il 17 agosto 2010 15:35 | Ultimo aggiornamento: 17 agosto 2010 15:45

Ground Zero

Clamorosa notizia, se confermata, del quotidiano israeliano Haaretz secondo cui i leader musulmani, dopo l’acceso dibattito e le aspre polemiche suscitate negli Stati Uniti dal progetto di costruire una moschea nei pressi di Ground Zero, avrebbero deciso di accettare le proposte intese a costruirla in un altro luogo.

La decisione sarebbe stata presa dopo una massiccia campagna  contro il progetto, che ha incluso manifesti, pubblicità sugli autobus e fotografie delle Torri Gemelle mentre bruciano dopo essere state colpite da aerei passeggeri pilotati da membri di al Qaeda. Inoltre il partito repubblicano si accinge a lanciare una campagna televisiva.

Secondo le fonti di Haaretz leader e uomini di affari musulmani sarebbero sul punto di annunciare l’abbandono del progetto nei prossimi giorni. Fonti vicine al dibattito in corso tra gli attivisti islamici di New York sostengono che tra questi ultimi è prevalsa la tesi secondo cui è meglio rinunciare al progetto che scatenare un’ondata di ostilità verso i musulmani.

I leader che in queste ore stanno decidendo su da farsi, riferisce Haaretz, ritengono che costruire il luogo di culto altrove sarebbe visto come un gesto di sensibilità verso le famiglie delle vittime degli attacchi e verso il popolo americano in generale.