Hillary Clinton. Dopo grande paura medici dicono che avrà ”un pieno recupero”

Pubblicato il 2 Gennaio 2013 11:16 | Ultimo aggiornamento: 2 Gennaio 2013 11:16

Hillary Clinton

NEW YORK, STATI UNITI – Dopo la grande paura, Hillary Clinton ”sta facendo eccellenti progressi e siamo certi che avra’ un pieno recupero”, dicono i suoi medici. La paura e’ passata, ma il segretario di Stato Usa, la cui popolarita’ continua a crescere, e’ ancora in ospedale a New York, dove e’ stata ricoverata tre giorni fa, quando con una risonanza magnetica le e’ stato trovato un coagulo di sangue tra il cervello e la parete del cranio, in una vena dietro l’orecchio destro.

”Per sciogliere il coagulo, la sua equipe medica sta curando il Segretario di Stato con anticoagulanti. Sara’ dimessa dall’ospedale quando sara’ stabilita la dose di farmaci necessaria”, hanno affermato i medici, sottolineando che l’illustre paziente non ha subito alcun danno neurologico ed ”e’ di buon umore, impegnata con i suoi dottori, la sua famiglia e il suo staff”.

Le condizioni di salute dell’ex first lady hanno iniziato a destare preoccupazioni quando a meta’ dicembre e’ stato reso noto che aveva avuto uno svenimento causato da un virus intestinale contratto in un viaggio in Europa, ed aveva sbattuto la testa, provocandosi una commozione cerebrale. Dal 7 dicembre non era piu’ apparsa in pubblico, e alcuni suoi avversari politici avevano anche sostenuto che la sua potesse essere una ‘malattia diplomatica’, per evitare di testimoniare al Congresso sull’assalto al consolato Usa di Bengasi in cui l’11 settembre sono rimasti uccisi quattro americani, tra cui l’ambasciatore Chris Stevens.

Hillary Clinton, che invece si e’ sempre detta pronta a testimoniare, lascera’ come previsto il suo incarico alla guida del Dipartimento di Stato nelle prossime settimane, quando il suo successore, il senatore John Kerry, sara’ stato confermato dal Senato. La popolarita’ della Clinton rimane altissima. Un sondaggio della Gallup compiuto in tutto il Paese poco prima che si sapesse del suo ricovero in ospedale l’ha incoronata per l’undicesimo anno consecutivo come la donna piu’ ammirata del mondo. In molti vorrebbero che, dopo aver mancato di un soffio la nomination nel 2008, corresse di nuovo nel 2016 per diventare la prima donna presidente degli Stati Uniti.

Lei pero’ continua a dirsi onorata, ma non piu’ interessata. ”Davvero non credo che lo faro’ di nuovo”, ha affermato proprio pochi giorni prima che si sapesse dei problemi causati da quello svenimento. In un’intervista si era detta ”molto grata di aver fatto in passato questa esperienza”. ”Ci sono molti modi per servire, e continuero’ a servire” ma ”ora voglio uscire e impiegare del tempo per vedere cosa altro posso fare per contribuire”. D’altra parte, è difficile che le disavventure mediche di queste settimane le abbiano fatto cambiare idea.