Hillary Clinton “snobba” l’Italia: dritta a Tripoli, salta visita a Roma

Pubblicato il 14 Ottobre 2011 10:13 | Ultimo aggiornamento: 14 Ottobre 2011 10:26

Franco Frattini e il segretario di Stato Usa Hillary Clinton (Foto La Presse)

ROMA – Hillary Clinton “snobba” l’Italia. Il suo primo viaggio ufficiale a Tripoli per un incontro con i vertici della nuova Libia, senza Muammar Gheddafi, farà scalo a Napoli. Una notte e un giorno in Italia per il segretario di Stato americano. Già programmata una visita ai “ragazzi” della base di Capodichino e in quella Nato. Nessun incontro ufficiale con l’Italia però. La Farnesina si impegna perché il ministro degli esteri Franco Frattini ottenga almeno un incontro nella base Nato.

La condotta della Clinton, che passerà in Italia senza fare visite ufficiali al governo, è indice di quanto l’America snobbi l’attuale governo italiano. Il segnale è chiaro: da quando Barack Obama divenne presidente degli Stati Uniti, Silvio Berlusconi non è mai stato invitato alla Casa Bianca. Unica eccezione nel 2009, ma il premier italiano era presidente di turno del G8, i possibile ignorarlo.

I segnali a conferma di un certo clima di “snobbismo” di Usa verso le autorità italiane non mancano, anzi. Prima Obama ha ringraziato lo scorso 20 settembre tutti i paesi che hanno partecipato all’attacco in Libia, permettendo così la destituzione di Gheddafi e il suo regime, tranne l’Italia che ha fornito anche navi e basi agli alleati. Ora la Clinton passa in Italia in punta di piedi, “sperando” di non essere vista. Italia “snobbata” dagli Usa? Il dubbio è più che lecito.