Howard Schultz, il presidente di Starbucks punta alla Casa Bianca

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 giugno 2018 6:17 | Ultimo aggiornamento: 6 giugno 2018 20:22
Howard Schultz, il presidente di Starbucks punta alla Casa Bianca (foto Ansa)

Howard Schultz, il presidente di Starbucks punta alla Casa Bianca (foto Ansa)

NEW YORK – “Sono molto preoccupato per il nostro paese”: frase pronunciata nei giorni scorsi da Howard Schultz [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,-Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] che il 26 giugno lascerà la carica di presidente esecutivo di Starbucks e che ha fatto ipotizzare una possibile partecipazione alla corsa presidenziale USA nel 2020.

L’annuncio arriva pochi giorni dopo la chiusura di 8.000 negozi per una formazione antirazzista ai dipendenti a cui l’ex presidente in una nota in merito alle sue dimissioni ha scritto:”Penserò a una serie di opzioni, dalla filantropia al servizio pubblico, ma ancora non so cosa riserverà il futuro”.
Shultz, 64enne uomo d’affari miliardario ha iniziato a lavorare con Starbuks, come amministratore delegato, nel 1986 e nel 2017 è diventato presidente esecutivo. Il 26 giugno passerà il testimone a Myron E. Ullman, scrive il Daily Mail.
Le dimissioni hanno alimentato le voci di una possibile discesa in campo in politica con i Democratici, al New York Times ha detto:”Sono molto preoccupato per il nostro paese, per le crescenti divisioni al suo interno e per la nostra posizione nel mondo” e aggiunto:”Una delle cose che voglio fare nel prossimo capitolo della mia vita è valutare il ruolo che posso avere per restituire quello che ho avuto dagli Stati Uniti anche se non sono sicuro esattamente di cosa questo possa significare”.