Il Papa al vertice Fao: “Le risorse per sfamare tutti ci sono”

Pubblicato il 16 Novembre 2009 12:26 | Ultimo aggiornamento: 16 Novembre 2009 12:26

Papa Benedetto XVi è intervenuto al vertice della Fao: “Il numero delle persone che soffrono la fame sta subendo una drammatica crescita, nonostante la terra sia in grado di sufficientemente nutrire tutti i suoi abitanti, e questo dimostra come non vi sia alcuna relazione di causa-effetto tra la crescita della popolazione e la fame” ha spiegato il pontefice.

Le cause della fame vanno invece ricercate, ha detto il Papa, “nell”aumento dei prezzi dei prodotti alimentari, la diminuzione di disponibilità economiche delle popolazioni più povere, il limitato accesso al mercato e al cibo”.

“Non è possibile continuare ad accettare opulenza e spreco, quando il dramma della fame assume dimensioni sempre maggiori – ha continuato Benedetto XVI – la Chiesa non intende interferire nelle scelte politiche, essa, rispettosa del sapere e dei risultati delle scienze, come pure delle scelte determinate dalla ragione quando sono responsabilmente illuminate da valori autenticamente umani, si unisce allo sforzo per eliminare la fame”.

Basta “egoismo” e speculazioni sul cibo, basta “modelli alimentari orientati al solo consumo” che “consentono alla speculazione di entrare persino nei mercati dei cereali per cui il cibo viene considerato alla stregua di tutte le altre merci”, ha concluso il pontefice, che ha poi condannato la “distruzione di derrate alimentari in funzione del lucro economico” e “il ricorso a certe forme di sovvenzioni che perturbano gravemente il settore agricolo”, invitando gli Stati a ripensare “gli attuali meccanismi della sicurezza alimentari” che stanno rivelando tutta la loro “debolezza”.