Immigrazione, il Papa: “Unire solidarietà e rispetto delle leggi”

Pubblicato il 12 Marzo 2011 14:37 | Ultimo aggiornamento: 12 Marzo 2011 14:40

Benedetto XVI

CITTA’ DEL VATICANO – Di fronte al fenomeno dell’immigrazione, ”bisogna saper coniugare solidarietà e rispetto delle leggi, affinché non venga stravolta la convivenza sociale e si tenga conto dei principi di diritto e della tradizione culturale e anche religiosa da cui trae origine la Nazione italiana”.

Lo ha affermato Benedetto XVI durante l’udienza ai membri dell’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (Anci), guidati dal presidente Sergio Chiamparino.

Sottolineando ”l’importanza” del tema della ”cittadinanza”, che è al centro dei lavori dell’Anci e su cui ”la Chiesa in Italia sta sviluppando una ricca riflessione”, mentre il prossimo Congresso Eucaristico Nazionale di Ancona dedicherà al tema una giornata alla quale ”sono stati opportunamente invitati i Sindaci italiani”, il Papa ha sottolineato che ”oggi la cittadinanza si colloca, nel contesto della globalizzazione, che si caratterizza, tra l’altro, per i grandi flussi migratori”.

Di fronte a questa realtà, ha osservato il Pontefice, ”bisogna saper coniugare solidarietà e rispetto delle leggi, affinché non venga stravolta la convivenza sociale e si tenga conto dei principi di diritto e della tradizione culturale e anche religiosa da cui trae origine la Nazione italiana”. ”Questa esigenza – ha aggiunto – è avvertita in modo particolare da voi che, come amministratori locali, siete più vicini alla vita quotidiana della gente. Da voi si richiede sempre una speciale dedizione nel servizio pubblico che rendete ai cittadini, per essere promotori di collaborazione, di solidarieta’ e di umanità”.