Iran, elezioni presidenziali al via: si sceglie il successore di Ahmadinejad

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 Giugno 2013 9:09 | Ultimo aggiornamento: 14 Giugno 2013 9:12
Iran, elezioni presidenziali al via: si sceglie il successore di Ahmadinejad

Ali Khamenei (Foto Lapresse)

TEHERAN – Elezioni presidenziali in Iran, si sono aperti venerdì 14 giugno alle 8 di mattina gli oltre 66mila seggi nel Paese. Al voto sono chiamati 50,5 milioni di elettori che dovranno scegliere il successore di Mahmoud Ahmadinejad.

Le elezioni di quest’anno seguono quelle contestate del 2009, quando la cosiddetta “onda verde” protestò contro i presunti brogli che avrebbero portato all’elezione del conservatore Ahmadinejad. 

In questo voto tornano in scena i riformisti, emarginati dopo la repressione dei moti di protesta di quattro anni fa ma agevolati ora, almeno al primo turno, da divisioni nel dominante campo conservatore.

Ma dei sei candidati in lizza, gli unici che hanno qualche possibilità di imporsi sono i tre esponenti dello schieramento conservatore, detto ”fondamentalista” o ”principalista’‘, cioè quello più vicino alla guida suprema Ali Khamenei. Sopra tutti il sindaco di Teheran, il popolare Mohammad Baqer Qalibaf, e il negoziatore per il nucleare Said Jalili, fedelissimo della Guida. E’ comunque prevedibile anche una buona prestazione del consigliere diplomatico della Guida, Ali Akbar Velayati.

Anche se le decisioni strategiche più importanti spettano al leader ayatollah Khamenei, la figura del presidente è una di quelle che possono influenzare l’andamento del dossier iraniano che più preoccupa l’Occidente: il programma nucleare civile, sospettato di nascondere finalità militari.