Iran. Khamenei: “Sosterremo chi combatte Israele per Gerusalemme libera”

Pubblicato il 3 Febbraio 2012 10:57 | Ultimo aggiornamento: 3 Febbraio 2012 14:40

TEHERAN – L’Iran ”sosterra’ ogni gruppo o Paese che confronti o combatta Israele”. Lo ha detto nel suo sermone del venerdi’ la guida suprema Ali Khamenei, che ha anche definito il ”regime sionista”, riporta la tv di stato che sta dando in diretta il suo discorso, ”un vero tumore maligno che deve essere rimosso”. “L’Iran non indietreggera’ sul suo programma nucleare”, e le sanzioni dell’Occidente non faranno altro che portare nuovi benefici all’industria nazionale, ha poi aggiunto Khamenei.

Continuare a dire “che tutte le opzioni rimangono sul tavolo” è controproducente per gli Stati Uniti, perché le loro minacce mostrano la loro debolezza nell’affrontare il dialogo. Lo ha detto la guida suprema Ali Khamenei, nel suo sermone del venerdì. Infatti, “gli Stati Uniti non hanno niente da dire – ha proseguito – non hanno nessun’altra logica se non la forza”.

“Noi non interferiamo nella politica del Bharain come sostengono i governanti del paese, perché se l’avessimo fatto la situazione ora sarebbe ben diversa”. Lo ha detto la guida suprema Ali Khamenei nel sermone del venerdì all’Università di Teheran, in una delle rare occasioni in cui è proprio lui a guidare la preghiera, e che coincide con le celebrazioni del 33/mo anniversario della rivoluzione.

”Noi pensiamo di liberare Gerusalemme e le terre palestinesi”. Lo ha detto la guida suprema iraniana Ali Khamenei, in una parte pronunciata in arabo del suo sermone del venerdi’.    ”Se avessimo abbandonato la causa palestinese – ha aggiunto – non saremmo ora accusati di terrorismo”.