Iran/ Prima delle elezioni Obama scrisse a Khamenei ribadendo offerta riavvicinamento con gli Usa

Pubblicato il 24 Giugno 2009 - 20:52 OLTRE 6 MESI FA

Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama prima delle elezioni presidenziali del 12 giugno ha inviato una lettera alla Guida Suprema iraniana, l’ayatollah Ali Khamenei ribadendo l’offerta di un miglioramento delle relazioni tra Iran e Stati Uniti e l’apertura di un dialogo.

Lo scrive mercoledi il Washington Times, all’indomani delle dura condanna espressa dal presidente americano per la repressione attuata dal governo iraniano contro i manifestanti, a quanto riferisce l’Agi.

Per il giornale di Washington (considerato vicino agli ambienti dell’intelligence Usa), che cita fonti iraniane, la lettera era stata fatta pervenire attravreso l’ambasciatore svizzero a Teheran (che rappresenta l’America dal 1979) il 4 ed il 10 maggio scorsi.

Nel testo Obama auspica “una cooperazione nelle questioni regionali e bilaterali” e la soluzione della disputa sul programma nucleare iraniano. Secondo il Times, che cita sempre fonti iraniane, Khamenei non avrebbe ancora risposto a Obama ma nel sermone in cui venerdì scorso ha avallato la riconferma di Mahmoud Ahmadinejad, ha fatto un riferimento indiretto alla lettera di Obama.

Il tutto però interpretando male alcune dichiarazioni del presidente americano che secondo la Guida Suprema avrebbe “invitato il popolo iraniano a scendere in piazza”. “Da una parte loro gli Usa ci scrivono una lettera – ha affermato Khamenei – esprimendo il rispetto per la Repubblica Islamica e la ripresa dei legami, dall’altra fanno queste affermazioni. A quale di queste affermazioni dobbiamo credere?”.