Iran, Teheran nega le violenze contro i diplomatici francesi

Pubblicato il 17 Novembre 2010 10:02 | Ultimo aggiornamento: 17 Novembre 2010 11:05

L’Iran ha negato che le sue forze di sicurezza abbiano commesso atti di violenza davanti all’ambasciata francese, anche contro il personale diplomatico, dopo che ieri il ministero degli Esteri di Parigi aveva convocato l’ambasciatore della Repubblica islamica in Francia per trasmettere una dura nota di protesta in proposito.

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Ramin Mehman-Parast, citato oggi dalla televisione iraniana in inglese PressTv, ha detto che gli agenti non hanno avuto comportamenti violenti nei confronti dei diplomatici francesi.

Ieri Parigi aveva espresso una dura condanna per quelli che ha definito ”atti di violenza” perpetrati dai servizi di sicurezza iraniani, un episodio che ha definito ”gravissimo”. In particolare, ha riferito all’ANSA una fonte diplomatica francese a Teheran, gli incidenti sono avvenuti quando ”decine di agenti iraniani, in borghese e in divisa”, sono intervenuti per impedire l’ingresso a diversi iraniani invitati ad un concerto di musica tradizionale persiana nella residenza dell’ambasciatore francese, Bernard Poletti, all’interno dell’ambasciata. ”Quando alcuni membri del personale diplomatico sono intervenuti per cercare di fare entrare gli ospiti, ci sono stati comportamenti violenti anche nei loro confronti”, ha aggiunto la fonte.

Secondo Mehman-Parast, ”la polizia diplomatica iraniana aveva messo in guardia sulla presenza di alcune persone che avrebbero dovuto partecipare all’evento”, e questo ”ha indotto il personale dell’ambasciata francese ad esprimere preoccupazione e protesta”.

[gmap]