Isis. Giappone sotto shock e in allarme per doppio colpo terrorismo

licinio germini
Pubblicato il 2 Febbraio 2015 9:55 | Ultimo aggiornamento: 2 Febbraio 2015 11:28
Kenji Goto sul punto di essere sgozzato

Kenji Goto sul punto di essere sgozzato

TOKYO – Antonio Fastiguso ha scritto questo articolo per l’Agenzia di stampa Ansa.

Il Giappone è sotto shock e in allarme rosso per il doppio colpo del terrorismo islamico: prima l’esecuzione del contractor Haruna Yukawa e, poi, quella del secondo ostaggio nelle mani dell’Isis, il reporter freelance Kenji Goto. Il premier Shinzo Abe ha parlato di “dolore straziante”, di impossibilità “a perdonare i terroristi”, di ogni sforzo utile “perche’ paghino per i loro crimini” lavorando “con la comunità internazionale”. Nessun cedimento, tolleranza zero e ampliamento degli aiuti umanitari.

Lo stallo negoziale non è sfociato nella svolta attesa e le priorità sono ora le “misure efficaci per la sicurezza dei nostri cittadini dentro e fuori dal Giappone”. Il video della decapitazione del reporter, 47 anni, è intriso di minacce che vedono Tokyo come un obiettivo dello Stato islamico. L’autore dell’esecuzione, ‘John il jihadista’, attacca il governo nipponico. “Voi, insieme ai vostri stupidi alleati – afferma mentre impugna la lama con cui sgozzerà l’ostaggio – non avete capito che siamo assetati del vostro sangue. Abe, a causa della tua spericolata decisione di partecipare a una guerra che non potete vincere, questo coltello non solo sgozzerà Kenji, ma continuerà a operare e causare carneficine ovunque la vostra gente si trovi. L’incubo per il Giappone è incominciato”.

Un attacco frontale, come mai successo in passato. “Cedere alla paura è l’errore principale”, ha detto il portavoce del governo Yoshihide Suga, annunciando la stretta sulla vigilanza contro il terrorismo. Il ministro degli Esteri Fumio Kishida ha illustrato “l’allerta sicurezza, mobilitando ambasciate e consolati, ai nostri cittadini all’estero”, a partire da Paesi a rischio come Algeria, Nigeria, Siria, Pakistan, Yemen e Iraq, dove si stimano oltre 1.500 giapponesi residenti.

Abe ha voluto ringraziare i “leader del mondo e gli amici del Giappone” e, in particolare, re Abdullah II di Giordania, alle prese con lo Stato islamico che ha in ostaggio da dicembre il pilota Muath al-Kaseasbeh. “Abbiamo fatto ogni sforzo possibile per liberare Goto”, hanno assicurato da Amman, con la disponibilità a liberare la terrorista Sajid al-Rishawi come chiesto dall’Isis.

“Gli Stati Uniti condannano la brutale uccisione”, è stato il messagio di cordoglio del presidente Barack Obama. “Insieme a un’ampia coalizione di alleati, gli Usa continueranno a prendere azioni decisive contro l’Isis”. La madre del reporter, Junko Ishido, che ha lanciato più volte un appello per il suo rilascio, scusandosi per il pianto e le lacrime, ha detto di “essere sconvolta” e di provare rabbia, tanta rabbia, da “non trovare le parole giuste. Voglio che la gente capisca bontà e coraggio di mio figlio”.

La comunità musulmana si è mobilitata per manifestare “piena solidarietà”. Alla moschea Masjid a Toshima, un quartiere di Tokyo, Haroon Qureshi, segretario di Japan Islamic Trust, ha espresso dolore sulla vicenda (“contrario al Corano, uccidere una persona e uccidere l’umanità”) e raccontato gli sforzi per “sollecitare la liberazione di Goto” grazie ai canali aperti in Siria. Alcune centinaia di persone hanno manifestato domenica a Tokyo davanti all’Ufficio del primo ministro. I dimostranti hanno preso di mira Abe e le sue politiche sul ruolo attivo di Tokyo verso i conflitti internazionali che, come dimostra il caso dei due ostaggi, comporta rischi.

Anche I 200 milioni di dollari di aiuti umanitari promessi poche settimane fa ai Paesi alle prese con lo Stato islamico sono finiti sotto accusa. “Colpa tua Abe”, si leggeva su un cartello, mentre su un altro ben più grande, c’era la dedica al reporter: “Kenji, sarai vivo nelle nostre memorie”. Il timore, neanche troppo velato, è di trovarsi pezzi di Jihad in casa.