“Israele vuole fare guerra all’Iran”: in un blog le carte segrete

Pubblicato il 15 agosto 2012 18:15 | Ultimo aggiornamento: 15 agosto 2012 18:48

home page del blog di Richard SilversteinROMA – Il blogger israelo-americano Richard Silverstein, considerato il Wikileaks d’Israele, ha svelato al mondo intero i presunti piani di guerra dello stato ebraico contro l’Iran. Un attacco coordinato, che includa anche un’aggressione cibernetica senza precedenti in grado di paralizzare totalmente il regime iraniano e la sua capacità di comprendere cosa stia accadendo entro i propri confini. I presunti piani segreti controTeheran sono stati pubblicati dal blogger sul suo sito ‘Tikun Olam’ (‘Riparare il mondo’, in ebraico): un estratto di un dossier che gli sarebbe stato dato da una fonte israeliana di alto livello che a sua volta l’ha ricevuto da un ufficiale delle Forze di Difesa israeliane.

Silverstein spiega che il documento sarebbe stato passato perché, secondo la sua fonte, ”questi non sono tempi normali e temo che Bibi (Netanyahu, premier d’Israele, ndr) e Barak (ministro della Difesa, ndr) facciano maledettamente sul serio”.

Il dossier rivela un piano di attacco in tre fasi: nella prima si ricorrerebbe alla tecnologia più sofisticata per mettere ko Internet, i telefoni, la radio, la tv, le comunicazioni satellitari, le connessioni in fibra ottica degli edifici strategici del Paese, comprese le basi missilistiche sotterranee di Khorramabad e Isfahan.

Per la seconda fase sarebbe previsto il lancio di decine di missili balistici, in grado di coprire una distanza di 300 chilometri, contro la Repubblica islamica dai sottomarini israeliani posizionati vicino al Golfo Persico. Missili ”non dotati di testate convenzionali”, precisa il documento, ”ma con punte rinforzate, progettate per penetrare in profondita”’. In questo caso, il dossier fa riferimento ai siti sotterranei, come quello di Fordo, forse quello che più preoccupa Israele perché scavato in una montagna vicino a Qom ad una profondità tale che si presume sia fuori della portata anche delle bombe più perforanti.

Infine la terza fase, con il lancio di altri missili – questa volta da crociera – per mettere ko i sistemi di comando e controllo, di ricerca e sviluppo e le residenze del personale coinvolto nel piano di arricchimento dell’uranio. Le informazioni raccolte nel corso degli anni saranno utilizzate per decapitare completamente i ranghi professionali e di comando dell’Iran in questi campi. Dopo la prima ondata di attacchi, che saranno cronometrati al secondo, un satellite passerà sopra l’Iran per valutare i danni agli obiettivi. Le informazioni saranno quindi trasferite agli aerei di guerra dotati di tecnologia sconosciuta al grande pubblico e anche all’alleato americano, invisibili ai radar e inviati in Iran per finire il lavoro, colpendo un elenco ristretto di obiettivi.

Che si tratti di mere indiscrezioni o di reali intenti di guerra, non è dato saperlo. Ma è un po’ inquietante il fatto che proprio in questo caldo Ferragosto il ministro uscente della Difesa Interna israeliano, Matan Vilnai, abbia rilasciato un’intervista in cui assicura che “Israele ha preparato la popolazione a un eventuale conflitto che potrebbe durare 30 giorni su diversi fronti simultaneamente”. “Non c’é alcuna ragione di essere isterici. Mai prima d’ora il fronte interno è stato così ben preparato”, ha detto il ministro al quotidiano Maariv mentre una parte della stampa israeliana aveva denunciato nei giorni scorsi l’impreparazione della difesa civile in caso di conflitto con l’Iran, accusato di volersi dotare dell’arma nucleare.

“Posso assicurarlo con la massima autorità: oggi ognuno sa esattamente quello che deve fare”, ha aggiunto riferendosi alla ripartizione dei compiti tra le diverse istituzioni incaricate della protezione civile, per quanto riguarda la concentrazione della popolazione fuori dalle zone di combattimento in tempo di guerra. Secondo Vilnai, “Israele si è preparato a uno scenario di guerra di 30 giorni su diversi fronti” che potrebbero causare 500 morti “persino di più, o meno”. Inoltre ha precisato che ci sono kit contro attacchi chimico-batteriologici disponibili per oltre la metà della popolazione israeliana. L’esercito sta intanto testando un sistema di allerta per sms per avvertire la popolazione in caso di attacchi missilistici.