Israele-Iran/ Barak: ”Ricorreremo ad ogni mezzo per impedire a Teheran di avere armi nucleari”

Pubblicato il 28 Luglio 2009 11:36 | Ultimo aggiornamento: 28 Luglio 2009 11:36

173745_UNMA104_APIn occasione della visita del ministro della difesa americano Robert Gates Israele ha ribadito con forza che ricorrerà ad ogni mezzo per impedire che l’Iran acquisisca armi nucleari, un tipo di ultimatum che gli Stati Uniti speravano di non sentire mentre stanno cercando di spingere Teheran verso il negoziato.

Il ministro della Difesa israeliano Ehud Barak in una breve conferenza stampa con Gates ha ribadito tre volte che Israele non esclude nessuna opzione nei confronti del programma nucleare iraniano, un implicito avvertimento che non è escluso un attacco preventivo per distruggere le installazioni nucleari di Teheran.

«Siamo convinti – ha detto Barak – che nessuna opzione deve essere scartata. Questa è la nostra politica. Consigliamo ad altri di adottarla, ma non possiamo imporla a nessuno».

Il problema di come affrontare i rapidi progressi nucleari iraniani sta creando divergenze tra Israele e gli Stati Uniti, nonostante che questi ultimi abbiano ripetutamente ribadito che proteggeranno lo stato ebraico da qualsiasi tipo di aggressione. Israele considera il programma nucleare di Teheran una minaccia per la sua stessa esistenza.

Non più tardi di ieri il segretario di stato americano Hillary Clinton ha dichiarato che all’Iran non sarà consentito di possedere armi nucleari ed ha ribadito l’impegno di Washington di proteggere Israele da qualsiasi minaccia possa provenire dal regime di Teheran.

In una intervista alla rete televisiva NBC la Clinton ha dichiarato che gli Stati Uniti «faranno di tutto» per impedire all’Iran di costruire bombe nucleari, e, rivolta a Teheran ha detto: «I vostri tentativi sono inutili», perché l’Iran non ha diritto di costruire ordigni atomici.