Ivanka Trump adorata come “dea” in Cina. Ha anche un fan club dedicato

di redazione Blitz
Pubblicato il 24 aprile 2017 15:45 | Ultimo aggiornamento: 24 aprile 2017 15:45
Ivanka Trump adorata come "dea" in Cina. Ha anche un fan club dedicato

Ivanka Trump adorata come “dea” in Cina. Ha anche un fan club dedicato

PECHINO – Mentre negli Stati Uniti e in Europa c’è chi la ammira e chi la boicotta, in Cina Ivanka Trump è adorata come una dea, tanto che in suo onore è stato aperto un fan club, chiamato “la dea Ivanka”, a cui sono iscritte oltre dodicimila persone, come se fosse una star di Hollywood.

Sono molte le donne che ammettono di adorare la figlia prediletta di Donald Trump: soprattutto giovani studentesse, ma anche casalinghe e madri di famiglia.  “Molte persone in Cina amano Ivanka per la gentilezza che ha mostrato nei confronti del popolo cinese”, ha spiegato al New York Post Hu Xingdou, blogger e professore dell’Università di Pechino, riferendosi alla visita di Ivanka all’ambasciata cinese per le celebrazioni dell’anno lunare.

A conquistare il cuore dei cinesi è stato anche il video, diffuso da Ivanka Trump su Instagram, in cui la figlioletta Arabella canta in mandarino per il presidente Xi Jinping.  Il video è diventato virale in Cina, e secondo Xingdou è stato “un toccasana per la cultura nazionale cinese perché dimostra che la nostra cultura gode di considerazione anche a livello internazionale”.

Se fin qui si tratta di reazioni contenute, c’è anche chi ammette di non muovere un passo senza pensare ad Ivanka. Studentesse che si alzano al mattino e pensano: “Che cosa farebbe ovvi Ivanka?”. Giovani donne che seguono alla lettera i consigli della first daughter, come alzarsi alle sei di mattina e leggere per mezz’ora.

 

Il motivo di questa ammirazione lo spiega la professoressa Guosheng Chen del Royal Melbourne Institute of Technology: “I cinesi amano le persone che lavorano duramente per la propria carriera e apprezzano chi dimostra di possedere grandi doti professionali. Ivanka è intelligente e molto professionale e la maggior parte delle nuove generazioni cinesi sperano che un giorno, in un futuro non troppo lontano, lei possa diventare presidente”.