Joe Biden riconquista il Michigan e surclassa Bernie Sanders. Trump ha ora un solo sfidante

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 Marzo 2020 10:19 | Ultimo aggiornamento: 11 Marzo 2020 10:19
Joe Biden riconquista il Michigan e surclassa Bernie Sanders. Trump ha ora un solo sfidante

Joe Biden (Ansa)

ROMA – Joe Biden mette le mani sulla nomination democratica mentre Bernie Sanders, salvo clamorose sorprese, appare ormai a fine corsa. Per l’ex vicepresidente il mini Super Tuesday delle primarie democratiche, in cui si votava in sei stati, si è trasformato in un nuovo trionfo elettorale.

Ha mobilitato la base, non solo gli afroamericani, portando alti livelli di partecipazione per esempio nel Michigan che votò Trump. Con Biden i colletti bianchi, i bianchi della classe media e bassa, le donne… Insomma sta galvanizzando una coalizione di elettori eterogenea che era fuggita dall’abbraccio del Partito democratico.

Le tre M a Biden: Missouri, Mississippi, Michigan

Suo il Mississippi, suo il Missouri. Ma soprattutto è suo lo stato del Michigan, quello delle grandi fabbriche di auto, quello dove c’era la posta in gioco più alta, ben 125 delegati. E dove Bernie Sanders non è riuscito a ripetere l’impresa del 2016 contro Hillary Clinton. Suo anche il piccolo Idaho. A questo punto manca solo la certezza matematica, perché se non ha raggiunto i 1991 delegati che gli consegneranno la nomination dem e il titolo di sfidante a novembre, è impossibile che ci arrivi Sanders.

E nel Midwest è in vantaggio nei sondaggi

La vittoria nello stato del Michigan, fino all’ultimo in bilico, è netta, e unita a quella del Missouri dà la misura di come Biden sia destinato ad avere vita facile anche negli altri stati del Midwest in cui si deve ancora votare, dall’Ohio, all’Illinois passando per il Wisconsin.

Qui i sondaggi sono già tutti a favore di Biden, come quelli della Florida e della Pennsylvania, gli altri due grandi stati chiave in cui devono ancora svolgersi le primarie. Ora Biden e Sanders sono attesi domenica prossima per la prima sfida tv a due, quella che precede un nuovo martedì elettorale.

Mano tesa a Sanders e appello all’unità anti Trump

Ma ormai per il senatore progressista potrebbe essere troppo tardi. E Biden, nel festeggiare l’ennesima vittoria, gli ha teso la mano. “Io e Bernie condividiamo lo stesso obiettivo, e insieme batteremo Donald Trump”, ha detto l’ex vicepresidente lanciando una sorta di appello all’unità, per concentrarsi d’ora in poi solo su quello che per i democratici veramente conta: sconfiggere il tycoon alle urne il 3 novembre.

“Abbiamo bisogno di una vera leadership in questo Paese, una leadership che sia di nuovo affidabile e credibile”, ha detto Biden, ribadendo come “in queste elezioni c’è in gioco la democrazia e l’anima, i valori del nostro Paese”.

Cancellati comizi per coronavirus. Non Donald

Intanto l’emergenza coronavirus travolge la campagna elettorale, con entrambe i candidati democratici che hanno cancellato i primi comizi elettorali da quando è scoppiata l’epidemia. La serata elettorale infatti per entrambe doveva concludersi in Ohio, a Cleveland, ma le rispettive campagne hanno preferito annullare gli appuntamenti dopo l’appello del governatore a evitare ogni tipo di assembramento.

Biden ha cancellato anche un comizio a Tampa, in Florida, mentre Donald Trump, in controtendenza, ha annunciato un nuovo evento per il 19 marzo a Milwaukee, in Wisconsin, dove lancerà la campagna “Catholics for Trump”. (fonte Ansa)