Karzai sempre in vantaggio, ma si profila l’ombra di un possibile ballottaggio

Pubblicato il 26 Agosto 2009 15:35 | Ultimo aggiornamento: 26 Agosto 2009 17:10

Con il 17 per cento del totale delle schede scrutinate, il presidente afghano uscente Hamid Karzai è in vantaggio nelle elezioni presidenziali del 20 agosto scorso: ha infatti raccolto finora il 43 per cento dei voti validi. Il suo principale avversario, Abdullah Abdullah, ex ministro degli Esteri, al momento si attesta al 34 per cento.

Lo ha annunciato la Commissione Elettorale Indipendente di Kabul. Sulla base di tali dati, seppure parziali, Karzai vede dunque ampliarsi il proprio margine di vantaggio rispetto al rivale maggiormente accreditato: il precedente aggiornamento dello spoglio, risalente a ieri e relativo al 10 per cento delle schede, attribuiva infatti al capo dello Stato in carica il 41 per cento delle preferenze, contro il 39 per cento assegnato ad Abdullah.

Per la vittoria al primo turno è sufficiente la maggioranza semplice, pari come minimo al 50 per cento dei suffragi più uno. In caso contrario, si andrebbe al ballottaggio verosimilmente all’inizio dell’autunno. Le operazioni di scrutinio saranno comunque lente e complesse: i risultati ufficiali definitivi non sono attesi prima della metà di settembre, fatti salvi inoltre i ricorsi contro i non meno di 255 casi di irregolarità denunciati.

Giovedì scorso si era votato in tutto il Paese anche per il rinnovo dei 34 Consigli Provinciali: per questi risultati l’attesa si profila fin da adesso ancora più lunga.