Politica Mondo

Kurdistan, referendum autonomia: 92% sì. Turchia e Iran: esercitazioni militari al confine

Kurdistan, referendum autonomia: 92% sì. Turchia e Iran: esercitazioni militari al confine

Kurdistan, referendum autonomia: 92% sì. Turchia e Iran: esercitazioni militari al confine (Foto Ansa)

BAGHDAD – E’ stato un vero plebiscito il referendum sull’indipendenza del Kurdistan iracheno. Ma mentre i curdi festeggiano, aumentano le tensioni con il governo centrale e i Paesi vicini, in particolare Turchia e Iran, che continuano le esercitazioni militari alle frontiere della regione autonoma.

Nella serata do martedì 26 settembre la televisione curda irachena Rudaw ha annunciato che a favore dell’indipendenza si è espresso quasi il 92% dei votanti, dopo che in mattinata la commissione elettorale aveva parlato di una partecipazione di poco più del 72%.

Immediata la reazione del primo ministro iracheno Haidar al Abadi: “Il Paese non rinuncerà mai all’unità del suo territorio, perché la Costituzione dice che l’Iraq è uno”, ha affermato, aggiungendo che “qualcuno vuole un Iraq debole, ma l’Iraq sarà forte, per tutti gli iracheni”.

Tra le prime contromisure adottate dall’esecutivo di Baghdad vi è la richiesta alle autorità della regione autonoma di cedere la gestione degli aeroporti al governo federale. Se ciò non avverrà, Abadi ha affermato che da venerdì gli scali saranno bloccati, con l’eccezione dei voli umanitari e di altri “urgenti”. Il governo ha anche deciso di mettere sotto il controllo delle autorità federali i valichi di frontiera tra la regione del Kurdistan e gli altri Paesi.

Il risultato del referendum non è legalmente vincolante, e più volte nei giorni precedenti al voto il presidente della regione autonoma, Massud Barzani, aveva detto che le trattative con le autorità centrali sarebbero continuate, forse anche per due anni, al fine di risolvere una serie di contenziosi, tra cui quello relativo alla gestione delle ingenti risorse petrolifere del Kurdistan e dei territori occupati negli ultimi anni dai Peshmerga, durante la guerra all’Isis. Abadi, tuttavia, ha detto che Baghdad “non intende discutere con Erbil dei risultati del referendum”.

Quasi tutta la comunità internazionale, con l’eccezione di Israele, si è schierata contro il referendum. Particolarmente preoccupati sono i Paesi vicini, che temono il contagio indipendentista tra i curdi che vivono sui loro territori. La reazione più decisa dall’estero è stata quella della Turchia, che pure è stata fino ad oggi alleate del Partito democratico del Kurdistan (Pdk) di Barzani. Il presidente Recep Tayyip Erdogan è tornato a minacciare ritorsioni di tipo militare ed economico. “Nel momento in cui chiudiamo i rubinetti, per loro è finita”, ha detto Erdogan, sottolineando che attraverso la Turchia passa tutto il petrolio esportato dai curdi.

Anche l‘Iran appare sempre più inquieto, soprattutto dopo che la scorsa notte manifestazioni di giubilo sono state registrate in alcune città a maggioranza curda sul territorio della Repubblica islamica. Teheran “si oppone a qualsiasi mossa che possa portare a un cambiamento delle frontiere geografiche in Medio Oriente e alla disgregazione dei Paesi della regione”, ha avvertito il ministro della Difesa iraniano, generale Amir Hatami.

Dopo gli Stati Uniti, che da tempo hanno manifestato la loro contrarietà all’iniziativa referendaria, oggi è stata la volta della Russia. Il presidente Vladimir Putin si è consultato al telefono con Erdogan e il presidente iraniano Hassan Rohani. “Continuiamo a credere che l’integrità territoriale e politica degli Stati sia estremamente importante per mantenere la stabilità e la sicurezza nella regione”, ha successivamente affermato il portavoce del Cremlino, Dimitri Peskov.

To Top