Libia, la Francia cede: “Sì al comando integrato della Nato”

Pubblicato il 22 Marzo 2011 21:19 | Ultimo aggiornamento: 22 Marzo 2011 21:20

Barack Obama e Nicolas Sarkozy

ROMA – La Francia è ”favorevole” a un comando integrato della Nato ”in sostegno alle forze della coalizione” presenti in Libia: lo ha detto all’ANSA il portavoce del ministero degli Esteri Bernard Valero.

Alla domanda su quale fosse il significato del comunicato appena diffuso dall’Eliseo, secondo cui il presidente Nicolas Sarkozy e il presidente Barack Obama sono d’accordo sulle ”modalità di utilizzo delle strutture di comando della Nato in sostegno della coalizione”, Valero ha risposto che ciò significa che ”siamo d’accordo” per un ”comando della Nato in sostegno alle forze della coalizione presenti in Libia”. Del resto, ha aggiunto, ”è quello che abbiamo sempre detto, siamo nella coerenza”.

Valero ha quindi sottolineato che a questo si aggiungerà il meccanismo di ”pilotaggio politico” dei ministri degli Esteri della coalizione annunciato oggi dal capo della diplomazia francese, Alain Juppé.

Il presidente francese Nicolas Sarkozy – si legge nella nota diffusa dall’Eliseo – e il presidente Usa, Barack Obama, nel corso di un colloquio telefonico, si sono ”accordati sulle modalita’ di utilizzo delle strutture di comando della Nato in sostegno alla coalizione” in Libia.

”Il presidente Obama – si legge ancora nella nota – ha chiamato il presidente della Repubblica (Nicolas Sarkozy,ndr.) per fare il punto sulla situazione in Libia”.

”I due presidenti hanno rivelato con soddisfazione che le operazioni condotte dalla coalizione hanno già permesso di limitare il numero di vittime tra i civili e ridotto le capacità del colonnello Gheddafi di usare la forza contro il suo popolo. Si sono accordati sulla necessità di proseguire gli sforzi per assicurare la piena attuazione delle risoluzioni 1970 e 1973”.