Marea Nera, Spike Lee se la prende con Obama: “Come hai fatto a fidarti della Bp”

Pubblicato il 25 Agosto 2010 8:54 | Ultimo aggiornamento: 25 Agosto 2010 8:55

Spike Lee

Il regista Spike Lee attacca Barack Obama sulla marea nera e la gestione della crisi con Bp.  ”Non capisco come Obama si sia potuto fidare degli uomini della Bp – ha detto il regista – è  gente capace di mentire alla propria madre”. Nonostante le critiche Spike Lee ha poi ribadito che Obama è ancora  ”l’uomo su cui punta”.

In un’intervista alla rivista Gq, il cineasta afro-americano ha detto che ”non si parla abbastanza degli 11 operai morti sulla base petrolifera dl colosso britannico”. Inoltre si è chiesto perché il presidente ”ha aspettato sette settimane prima di invitare le loro famiglie alla Casa Bianca”.

”Non sto cercando di colpire il mio uomo – ha aggiunto Lee – ma credo che abbia aspettato troppo tempo”. Quindi la stoccata finale, parlando di ”razzismo ambientale”: ”gli stati del Golfo, la Louisiana, il Mississipi, l’Alabama – ha detto Spike Lee – sono storicamente poveri e con poco potere politico.

Sono convinto che se lo stesso disastro ecologico fosse accaduto davanti agli Hamptons, a Martha’s Vineyard o a Cap Cod, si sarebbe già tutto risolto”.