Mike Pompeo supera l’esame del Senato Usa, è il nuovo Segretario di Stato

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 aprile 2018 12:16 | Ultimo aggiornamento: 27 aprile 2018 12:17
Mike Pompeo supera l'esame del Senato Usa, è Segretario di Stato Usa

Mike Pompeo supera l’esame del Senato Usa, è Segretario di Stato Usa

ROMA – Con 54 voti a favore e 41 contro, Mike Pompeo è stato confermato dal Senato segretario di stato Usa. Ora l’ex capo della Cia potrà insediarsi per guidare la diplomazia americana.

La commissione Affari esteri del Senato americano aveva confermato la nomina del nuovo segretario di Stato, in dubbio fino all’ultimo momento. E’ stato il voto a sorpresa del senatore Rand Paul, che si era opposto alla nomina di quello che è considerato un “falco” anche dagli stessi conservatori, ad evitare uno schiaffo senza precedenti al presidente Donald Trump. Mai infatti la commissione nella storia ha respinto una nomina per il posto di segretario di Stato.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

Pompeo, direttore uscente della Cia e negoziatore del vertice fra Trump e Kim, rischiava di non avere la raccomandazione positiva della commissione prima del voto dell’aula in seduta plenaria, previsto nei prossimi giorni. Il Senato avrebbe potuto confermare anche senza il sostegno della commissione ma sarebbe stata la prima volta che accade dal 1925.

La Casa Bianca ha diffuso per la prima volta due foto della visita fatta nel weekend di Pasqua da Mike Pompeo, ancora nelle vesti di capo della Cia, in Corea del Nord per discutere il vertice fra Trump e Kim Jong-un. Nelle immagini si vedono Pompeo – che ha già giurato e debutterà da segretario di Stato al vertice Nato di Bruxelles –  e il leader nordcoreano che si stringono la mano, all’interno di un palazzo governativo.

Quello di Pompeo è stato l’incontro di più alto livello tra Stati Uniti e Corea del Nord dal 2000, quando Madeleine Albright, allora segretario di Stato dell’amministrazione Clinton, si incontrò con Kim Jong-Il, il padre del Kim attuale.